PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il poeta

Un amico antiquario mi ha fatto conoscere un vecchio professore in pensione che ha pubblicato un libretto di poesie. Questo uomo da giovane scriveva poesie e faceva una vita dissipata. Poi, a trenta anni ha cambiato vita; ha ripreso gli studi, si è sposato e si è fatto una famiglia.
Poiché mi interessa molto la letteratura, un giorno vado a casa sua. Il professore è un uomo grasso con la voce grave e la barba bianca. Mi fa entrare in uno studio con le pareti occupate da scaffali zeppi di libri e per due ore parliamo di scrittori. Il professore è un bibliofilo esperto e appassionato. Prima di lasciarlo egli mi invita a frequentare le sue riunioni settimanali a cui partecipano i cultori della letteratura.
Alcuni giorni dopo, in un pomeriggio freddo e nebbioso, mi trovo nuovamente nello studio del professore insieme ad altri studiosi: un giornalista, un mercante d'arte, due collezionisti di libri e un vecchio pittore.
Mentre siamo lì riuniti a discutere di libri e di letteratura, qualcuno suona alla porta. Arriva un giovane appassionato, attirato dalla fama del professore. Pietro, questo è il suo nome, è magro, ha i capelli lunghi e veste poveramente; quando parla di poesia i suoi occhi brillano e sembra che gli manchi la voce.
Il professore gli fa alcune domande e Pietro risponde in modo profondo e originale. Conosce a memoria il pensiero di Bertrand Aloysius, Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, Breton, Trakl, Jozsef
Poi, cambiando argomento, il professore gli chiede:
"Ma tu quanti anni hai?"
"Trentadue."
"E che lavoro fai?"
"Il poeta."
"E niente altro?"
"No. La poesia richiede dedizione completa e non lascia tempo per altre cose."
"Ah! Che disgrazia, che disgrazia!" esclama il professore. Poi dopo una pausa riprende: " Perché, lo capisci vero, che è una disgrazia nascere poeta. Sei condannato a rimanere senza denaro, le donne fuggiranno da te vivrai in miseria e senza sesso! Ti pare una vita piacevole questa?"
"Ma io ho la poesia e questa mi basta."
"Adesso, ma quando sarai più vecchio la odierai e forse rimpiangerai tutto il tempo e le energie spese per lei."
Il giovane tace, perplesso, e rimane seduto al suo posto, mentre noi riprendiamo le discussioni su problemi estetici e letterari.
Alla sera, quando esco dalla abitazione del professore penso a quel giovane che non ho mai visto prima e che forse non rivedrò più. Il professore gli ha detto delle cose molto sagge: una profonda dedizione alla poesia è incompatibile con una vita normale fatta di lavoro, casa, moglie e figli. Il professore adesso ha una bella casa con un bel giardino; nelle stanze vicine ci sono la moglie, i figli e una bella nipotina. Ma il prezzo di queste cose è stato: la sua rinuncia alla poesia.
Però il professore si è molto infervorato, quasi arrabbiato nel tentativo di dissuadere il giovane dalla strada della Poesia. Sì, pensandoci bene, il professore si è troppo accalorato nello scagliarsi contro la poesia. Proprio lui che ama i libri e si considera un mecenate e un cultore della poesia.
Ma forse la sua foga serviva solo a lui stesso, per soffocare i richiami della sua vocazione che egli ha rinnegato. Forse il vecchio professore rimpiange di non aver fatto il Poeta povero e solo.

Novembre 2001

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0