accedi   |   crea nuovo account

L'esplosione

Gli fu dietro. Finalmente lo rivide. Lui stava camminando sul quel sudicio marciapiede, e lei era ferma dietro di lui, a pochi passi.
Gli attimi cominciarono a dilatarsi, un solo istante sapeva di infinito. L’estrema lentezza dei pensieri accompagnava la rapidità reale del tempo.
Si ricordò che lo amava e si ricordò quanto lo amava. Era la vita, era lì davanti. La sua vita lì davanti, a portata di mano insieme a molti dubbi su come comportarsi.
Abbracciarlo? Corrergli incontro? Scaraventarlo per terra e urlargli quanto l’amasse? Fermarlo e parlargli? Non sapeva cosa fare. Eppure le sarebbe bastato scegliere una a caso di queste opzioni e mandare avanti la vicenda.
Si fermò un secondo, sgombrò la mente, mentre lui era ancora lì a pochi passi, così tangibile, così reale.
Si piegò verso terra, afferrò un sasso piuttosto grande e dalla punta acuminata. Ce l’aveva in mano, lo vedeva, lo sentiva, lo toccava. Con il braccio mirò dritto alla nuca, in sua direzione.
Con tutto l’amore e la violenza che governavano i suoi sensi lo scagliò, lo lanciò via. Così. Senza pietà. Con una calma e una lucidità apparenti. Con freddezza.
La pietra lo colpì con estrema forza, nel punto preciso che lei si era prefissata di colpire. Un punto vitale del suo capo. Ebbe appena il tempo di urlare per il dolore, si portò la mano alla nuca, ricadde per terra, accasciandosi, mentre un rivolo di sangue rigava il suo collo chiaro, bianco, candido. Poi qualche voce, una folla intorno a lui e pochi altri respiri stanchi e consapevoli del destino.
Lei non era già più lì. Giratasi di scatto, si era voltata ed era scappata chissà dove, in un altro luogo, dove l’attendeva una vita già finita. Già persa.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 08/06/2010 10:07
    Ottima tecnica, non condivido appieno il contenuto ma poco importa, mi hai emozionato e questo basta e avanza!
  • Anonimo il 31/01/2010 16:40
    A me è piaciuto, tutto descritto bene, sia le emozioni che i gesti. L'unica cosa che non si capisce sono i movimenti. Ovvero, lui sta camminando, lei è ferma, ma comunque non lo perde di vista. Dopo lei, si riferma un secondo, senza però essersi mossa col corpo, ma solo col pensiero. Scusa, questo non toglie che è scritto molto bene, quello che ti ho detto sono piccole sciocchezze. Kiao!
  • Anonimo il 10/11/2009 18:40
    Mooooolto brava...
  • rainalda torresini il 24/02/2009 21:15
    Non capisco l'assenza di commenti! È un bellissimo noir che colpisce nel segno... Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0