PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giochi del destino

Parte prima.

"Chissá stará facendo Lei? Quasi quasi le mando un messaggio". Bip, bip, bip, COSA FAI? Bip, bip, MI MANCHI GIA'..., bip messaggio inviato, bip, ricevuto.

Chi legge il messaggio non é lei, lei giace a terra con la lama di un grosso coltello che le sporge fuori dalla gola delicata che lui amava tanto baciare.

Quella mattina, come tante altre, era scesa dal treno ed aveva imboccato quel sottopasso un po' buio che le incuteva sempre un certo timore anche se mai le era capitato di fare incontri spiacevoli. Mai aveva fatto incontri spiacevoli ma quel giorno c'era il destino ad attenderla lì sotto, il destino con il cervello sconvolto dalla follia ed un lungo coltellaccio in mano.

"Mi manchi già... ti mancherà molto di più di quello che pensi povero imbecille! Vero bambina?" Lei non poteva certo rispondere ma a lui bastava il ricordo delle sue urla mentre le faceva scorrere lentamente il coltello sulla pelle per eccitarsi, ed in effetti era già molto molto eccitato. "Lo sai che insanguinata sei proprio bella? Più bella, molto più bella che da viva, il colorito bianco morto ti dona tesoro, sei così bella che mi viene voglia di scoparti, quasi quasi ti violento..., stai ferma eh?.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

43 commenti:

  • Roxy xD il 16/10/2011 19:28
    carino, ma sembra di più un thriller...
  • Lele M. il 30/11/2010 21:00
    La scena sguazza in quella che ormai sta diventando, per quanto "moderna", una paura ancestrale del giorno d'oggi: la possibilità che la follia del mondo ti venga incontro con un lungo coltello in mano, lì dove meno te l'aspetti, scalfendo la superficie liscia di una quotidianità che si immagina destinata a scorrere senza graffi.
    Del resto, mi ha sempre affascinato quanto tra l'invio e la ricezione di un sms possa essere una distanza non solo di spazio, ma anche di tempo, di eventi e di situazioni. Questo è un estremo raccapricciante, ma rende l'idea.
    Il consiglio di Carlo Araviadis è interessante. Sostituire qualche virgola con qualche punto avrebbe giovato all'incedere del discorso.
    In conclusione: tema inquietante, ma complessivamente sprecato per un pezzo troppo breve. Semplificare troppo la scena giova all'effetto shock, ma rischia di ridurre i racconti al riassunto di un racconto scritto meglio, che non avremo la fortuna di leggere.
  • Katrin Dellaira il 07/11/2010 16:22
    A me è piaciuto molto, ma mi ha anche impressionata visto che passo spesso in sottopassaggi bui da sola. brrrrrrrrrrrrr inquietante davvero!
  • Carlo Araviadis il 07/11/2010 15:05
    Leggerò il seguito perchè voglio vedere come svilupperai il racconto. Un piccolo consiglio, se lo accetti le frasi risultano un po' troppo articolate, fossero più brevi la suspance ne gioverebbe creando un effetto "battito cardiaco" (effetto appena inventato da me ).

    Ciao ciao
  • Domenico Bianco il 27/10/2010 02:33
    BRRRRR MI FA VENIRE I BRIVIDI
    ciao
    vi piacerebbe di venire a far parte di un bellissimo forum dedicato all'horror creato da poco da me.
    per un appassionato del genere sono sicuro che vi piacerà moltissimo
    perche è unico nel suo genere.

    link: http://horrordapaura. forumfree. it/
  • Philip Burns il 06/07/2010 17:45
    insomma, un po' angosciante e non molto dell'orrore mi sembra più un thriller
  • Lorenzo Coltellacci il 22/02/2010 15:19
    Mi piace molto l'idea. Il fatto che il mittente del messaggio non sappia nulla di cosa è successo al destinatario.. da adesso sarò sempre terrorizzato quando la mia ragazza non mi risponderà subito.
    Una scrittura quasi "ripetitiva", particolare... Non mi piacciono però i periodi troppo lunghi. Preferisco una scrittura più concisa.
    Comunque niente male, attendo il sequel!
  • Emiliano Shegani il 07/12/2009 18:01
    mmm...
  • Ermete Marrocco il 07/12/2009 03:45
    Ah Ah! Agghiacciantemente ironico. Bravo.
  • Domenico Bianco il 30/09/2009 06:35
    Veramente terrificante, bravo
    che ne dici di fare un salto alla mia storia - nascosto nel buio -
  • Christopher Robin il 13/08/2009 14:29
    Tosto
  • Roberto melcore il 02/07/2009 20:19
    complimenti... la perversione di questo racconto è davvero... qualcosa di indescrivibile... soprattutto xchè espressa in pochissimi righi. Complimenti davvero.. anch'io sono appassionato di racconti horror.. dimmi poi cosa ne pensi dei miei. A rileggerci... ciaociaooo!!!
  • Anonimo il 27/06/2009 23:22
    ahah, che dire ogni persona ha del perverso, bisogna solo tirarlo fuori!
  • Vale B il 19/02/2009 21:30
    Mi hai fatto venire i brividi. Comunque complimenti è bella e agghiacciante.
  • Alessio Cosso il 14/02/2009 23:03
    ... grazie a tutti dei commenti... siete davvero troppo buoni!
  • Fabrizio Carollo il 12/02/2009 00:34
    Mamma mia... da brividi. Veramente terrificante e ben fatto. Peccato per la scarsa durata... volevo un'agonia più prolungata! Bravissimo comunque. Se ti andasse anche di leggere i miei e darmi un parere mi farebbe molto piacere...
  • laura cuppone il 16/11/2008 01:53
    leggo il seguito se c'è...
    mi piace...
    ciao Laura
  • luisa berardi il 04/10/2008 18:21
    dovresti pubblicarlo..
  • Egon il 28/08/2008 19:47
    carino
    ma ora col pacchetto sicurezza queste cose non succedono.
  • Anonimo il 28/08/2008 19:39
    bellissima... xkè nn scrivi un libro??
  • GozzaGugh il 23/08/2008 17:41
    Beh... Agghiacciante è agghiacciante... Ma lo trovo un po'... Come dire... Esagerato. Sangue, necrofilia, stupri e assassini, il tutto in pochissime righe... Penso che basti molto meno per terrorizzare una persona. Spingersi agli estremi del genere horror non è sempre conveniente... Potresti schifare una persona più che spaventarla. Comunque complimentti, in poche parole hai rappresentato prefettamente la scena, anche se un ritmo più lento forse creava più tensione. Leggerò comunque il seguito.
  • Aldo Occhipinti il 12/08/2008 01:16
    complimenti. Agghiacciante. Ci starebbe Metal Carter come colonna sonora
  • Anonimo il 01/08/2008 12:10
    scs è ke sn iscritta da poko e nn so ankora cm si usa bn il sito
  • Alessio Cosso il 30/07/2008 19:58
    ... veramente è già pubblicato... se vuoi lo trovi nell'elenco delle mie "opere" pubblicate.

    fammi sapere eh???
  • Anonimo il 30/07/2008 15:11
    avvisami qnd pubbliki la seconda parte la aspetto cn ansia baci ubRy
  • Cinzia Gargiulo il 29/07/2008 21:06
    Questo va bene ma ora devo leggere il seguito...
    Ciao, ciao...
  • Anonimo il 29/07/2008 20:46
    bella fantasia il tuo racconto mi ha stupita... alla fine è una cosa ke potrebbe succedere benissimo... sei forte mandami qualke e-mail cn le tue storie horror xfavore congratulazioni hai una fan!!!
    ciau ubRiaKinA
  • Alessio Cosso il 28/07/2008 13:59
    ... non per difendere l'autenticità ma io il Caligola di Camus non l'ho mai letto... essere accostato a Camus però è lusinghiero...
  • Alessio Cosso il 21/07/2008 13:40
    ... grazie... spero che vi sia piaciuto anche il seguito...
  • Cristina Corsi il 15/06/2008 15:18
    complimenti hai uno stile per scrivere facile e molto comprensibile complimenti adesso mi leggo il seguito ciao!!!!
  • Giulio Liguori il 06/06/2008 21:24
    STUPENDISSIMO
  • David Gruber il 05/05/2008 10:22
    Bello, sei riuscito a descrivere le immagini e le scene in poche parole. Complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/04/2008 10:51
    Bellissima... ho dovuto leggere i tre racconti...+ una poesia per dare un giudizio+ eppur ti conoscevo+ uomo di poca fede e di poco intelletto che sono... vuol dire che il racconto horror è perfetto..

    Sublime questo tramonto rosso sangue... su un viso d'alba bianco vivo
    v

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0