PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Tesoro piú grande

Guarda lontano, verso l'orizzonte...
Un ragazzo normale, come tanti altri...
Fissa un punto lontano, che vede solo lui...
Pensa al futuro, alla carriera, alla scuola, alla vita, alla morte... e si rende conto, che non sa come affrontare tutte queste cose.
Ma tanto che differenza fa?
Ha paura, le sue mani tremano... gli occhi socchiusi perché il sole sta calando lasciando spazio alla luna e alle stelle...
Che belle le stelle, pensa... forse lo dice ad alta voce, ma tanto non lo sente nessuno, le sue parole, sempre se sono uscite, vengono inghiottite dal rumore delle onde che si infrangono sugli scogli...
Il vento gli accarezza il viso abbronzato, sorride...
"Mark, che ci fai qua? È tutto il giorno che ti cerco..."
Mark si gira, salutando Lucas senza neanche guardarlo in faccia "Ciao".
"Che ci fai qui?" gli domanda di nuovo Lucas, ma sa già la risposta...
"Non voglio morire" taglia corto Mark... cercando di sorridere.
Lucas ricambia lo sforzo... alzando la mano davanti agli occhi per vedere meglio, poi avvicinandosi al suo migliore amico una lacrima gli scende calda sulla guancia.
"Non dire così..." Lucas si ferma non sapendo cos'altro dire, le parole gli si annodano in gola. Lo abbraccia e i due scoppiano a piangere.
"Ho tanta paura" singhiozza Mark, ancora abbracciato a Lucas, che stringendolo ancora più forte li fa capire che non é solo... che non sarà mai solo...
"Anche io ne ho" poi i due si lasciano, girandosi verso il tramonto. Tutto intorno a loro sta sfumando di rosso, e un gabbiano ritardatario si alza in volo.
All'improvviso Mark urla, è un grido folle, straziante, pieno di dolore, di paura... Il suo amico non lo guarda, non gli dice niente, lo capisce e guardando verso il mare piange silenziosamente.
L'urlo di Mark si spegne in un lamento, spezzato da singhiozzi convulsi, i gabbiani, sembrano rispondergli con il loro gracchiare, poi cala il silenzio...
Noi, che non possiamo fare altro che guardare la scena, rimaniamo commossi dai due amici, ma il tempo stringe, e non possiamo tardare...
"Sappi Lucas che sei stato per me il tesoro piú grande..."
Ci avviciniamo e lo prendiamo per mano... alzandoci in volo e avvicinandoci verso il cielo...
Mark, morì un'ora dopo aver pronunciato quella frase, lasciando a Lucas le più belle parole che abbia mai sentito...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giuseppe Tiloca il 08/08/2009 14:33
    Un' amicizia che dura per sempre, grazie alle parole di Mark verso Lucas. Ora, tutte queste cose, ossia tenersi per la mano, abbracciarsi vengono considerate solo semplici cavolate per femmine, però, chi veramente sa guardare dentro il suo cuore, vorrebbe abbracciare sempre il suo migliore amico, maschio o femmina che sia. Bravo.
  • Mirko Coller il 15/05/2008 12:16
    bellino ma che cavolo intendevi alla fine non lo proprio capito e i due sembrano quasi dell'altra sponda anche se non credo
  • Emilio C. il 30/04/2008 21:35
    Alla fine triste e poetico: le immagini, le senzazioni. Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0