accedi   |   crea nuovo account

Il Fabbro

Il mio passato è un cancello al centro di dune monotone e sabbiose,
in un deserto arido come i sentimenti che allignavano,
simili all'edera velenosa, nel mio cuore.
Dune di sabbia finissima, lavorata dai secoli,
modellata in guisa di monumenti osceni,
rena nella quale camminavo in tondo,
come colui che brancola nel buio di una lurida sentina,
ricettacolo di miserie umane.
Nastri interminabili di chilometri dei quali nulla restava al mio passaggio,
poiché ogni impronta che il mio claudicante passo
imprimeva sull'impalpabile terreno
veniva prontamente ricoperta dalla polvere,
sollevata dal torrido vento che in quelle lande spira in rabbide folate,
quasi fosse l'alito putrescente del Demonio.
Un unico cancello sulle cui guglie aguzze,
il mio spirito corrotto, unitamente al corpo martoriato,
il nichilismo mio ha issato e trafitto,
come l'averla il verme crocifigge sugli spinosi rovi.
L'astro del giorno al suo levarsi, similmente all'occhio rovente di Moloc,
rendeva incandescente le lance metalliche su cui ero infisso,
decuplicando così il mio dolore.
Negli oscuri gangli del mio cervello sfatto,
palude alcolica brulicante di germi infetti,
si annidava un rimasuglio di surreale lucidità reattiva,
e io domandavo, senza aver risposta:
"Avrà mai dunque fine questa atroce Notte,
illuminata dai roghi alimentati dal liquido Veleno,
di cui faccio uso soverchio?
Arroventata dal fiammeggiante disco di un sole alieno,
divoratore di Uomini e coscienze."
A tutti è concessa un'occasione, ed io seppi che era giunto il turno mio
quando un Uomo vestito come un fabbro si avvicinò armato di uno sguardo dolce,
e di una sibilante fiamma che scaturiva da un cannello ardente.
Le Sue impronte restavano al passaggio, il vento non osava cancellarle,
ciò mi parve cosa buona.
Sostò nei pressi del cancello e pose un'unica domanda:
"Vuoi essere libero o seguitare così, finché sarai cibo per i corvi?"
Per tutta risposta io tesi la mano,
nell'antico gesto di colui che chiede aiuto,
ero incapace di articolare verbo.
Lui capì che ormai ero allo stremo e alacremente cominciò il lavoro

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0