PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

davanti ad un bicchiere

Sempre fregati noi scrittori "dannati".
Curvati su tavolini traballanti in bettole di periferia, con le braccia conserte e la testa china ad alitare su fogli insolenti, penosamente bianchi... a rimproverarci: "che c##zo scarabocchi a fare... ma trovati un lavoro, serio. (col "serio" pronunciato accentuato)

Ed il sapore del liquore al malto che esali dal fiato ti ritorna in faccia, perchè la bocca è a pochi centimetri dal tavolino.
"Sì... sì. Ci vuole un lavoro. Uno... serio. Ma dopo... Dopo. Butto prima giu' quest'altra stronzata... Poi, sì. Un lavoro."

La mano scarna solleva tremante un bicchiere di vetro pesante. Di quelli di una volta. Con una scheggiatura sul bordo. La testa si solleva. Un pensiero balza alla mente. Un sorriso ironico si accenna su un viso disgustato... disgustato da ipocriti, figli di papà, idioti, puttane d'alto borgo, vagabondi, politici, intellettuali, snob...
Un brindisi. "Che si fottano, tutti quanti."
E giu' il sorso.

Al lavoro.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anna G. Mormina il 05/05/2008 14:38
    Ciao Romano,
    l'Arte, è considerato un Mestiere per pochi, purtroppo, solo per chi è diventato famoso...
    ... ma quando si è poeti veramente, non si può fare a meno di scrivere, anche solo due righe ogni tanto... anche a costo di non esser capiti...
    ... è giusto continuare ad esprimersi come ci è più consono...
    ... gli altri?... dicano ciò che vogliono!
    Bravo!
  • Stefano Romano il 04/05/2008 21:46
    Che si fottano.
    Tutti quanti.

    E giù il sorso.
    Brindo alla tua.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0