accedi   |   crea nuovo account

Dio prepagato

Dio o dio?
Mille carte sparse su un tavolo come gli shangai, gettate lì come un sacco pieno di semi prima di essere piantati.
Ogni carta ha più di un colore, migliaia di sfaccettature impossibili da giocare subito.
Utilizzare i loro semi per coltivare qualcosa dentro il nostro cuore spetta solo a noi.
Stipati in una piccola stanza, attorno ad un minuscolo tavolo, ormai logoro e puzzolente, ci sono tutti i giocatori del mondo, cristiani, ebrei, induisti, animisti e islamici.
Con un unica carta in mano e un sigaro in bocca, che bruciando pervade il locale di una fitta nebbia impedendo di vedere chiaramente le cose, ci sono gli uomini di tutto il mondo.
In quella piccola stanzzeta, in angolo, ci sono le persone senza carte.
Ci sono anche io.
Sto scomodo tra uomini vecchi, neonati e persone di tutte le età, guardo di tanto in tanto verso il tavolo e le fish che aumentano diventando alte come grattacieli.
Non capisco il gioco, del resto io a carte non ho mai eccelso, a parte a rubamazzetto.
Ho la sensazione di essere l'unico a guardare verso il tavolo ma, ogni volta che mi rigiro aumentano le persone ammassate lì con me, che guardano nella mia stessa direzione.
Sento un sacco di bla bla bla, "il mio Dio sono i soldi!" "il mio Dio sono le donne!" "il mio Dio sono i rcordi..."non sono considerate delle carte nel tavolo dei giocatori, perlopiù figurine.
Mi viene in mente che tutto questo mi ricorda il quadro con i cani che giocano a carte, ma che si mordono la coda a vicenda.
Tra i mille bla bla bla sento una voce che dice"dio?".
E viene subito zittita dall' abbaiare.
Abbiamo bisogno di un qualcosa a cui essere fedeli, qualcuno che ci tenga al caldo.
Del tutto normale che il cane si irriti se gli si tocca il padrone, siamo tutti fedeli a qualcosa, ma se mi si chiede che carta ho, rispondo che ho la carta prepagata.
Anche se mi stà finendo pian piano, il credito, l' ho caricata di tutto quello in cui credo.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 11/03/2010 23:49
    Mi è piaciuto tanto il tuo racconto... ottimo utilizzo a mio avviso della metafora dei giocatori... scritto in modo disincantato ma intelligente!!! bravo!!!
  • Emiliano Rizzo il 06/05/2008 19:42
    noooo!!!! è finita troppo presto!!! come continua???? cos'era un sogno? scritto bene. ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0