PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La stanza

Nella stanza in fondo al corridoio di questa casa, la mia casa, mi sono nascosto troppe volte. Le pareti sono spoglie, il colore non è più un colore. Al centro del piccolo tavolo c'è una radio, una radio a pile. Non prende più stazioni, ma trasmette solo fruscio. La luce è assente, non c'è luce e la finestra non si apre da almeno dieci anni. Le pareti sudano, sudano gioie, dolori, ansie, emozioni e finanche immagini. Scorrono lente e sbiadite tutto il giorno. Non c'è un proiettore, non c'è nulla. È l'uso del tempo che crea le cadenze. Niente minuti, niente ore ne giorni. Il tempo è uno, perché misurarlo? La stanza a volte dorme, non suda. Basta accendere la radio e ascoltare il suo fruscio per svegliarla. Oltre a me, nessun altro è mai stato tra queste mura. L'ingresso è riservato. Uscendo dalla stanza chiudo la porta e mi volto. Mia moglie mi ha detto: «su questa parete prima o poi appenderò un quadro.»

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0