PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In braccio

Ricordo quando ero bambino ed andavo con i miei genitori alla fiera annuale di San Michele camminavo al fianco di mio
padre che teneva la mia mano stretta nella sua per paura che
io mi perdessi. Durante la visita di quella grande fiera mi stancavo di camminare, ed allora scuotendo la mano di mio padre per richiamare la sua attenzione gli dicevo : " Papà in braccio! " Lui mi esortava a camminare ancora un poco ma
dopo a seguito della mia insistenza mi prendeva in braccio, anche perché ero il più piccolo dei miei fratelli avevo quattro
anni.

Se ripenso a questo episodio della mia vita alla luce della fede,
vedo, adesso che ho sessanta anni come sono stanco di cammi-
nare nella fiera della vita e come il mio Padre celeste abbia
sempre tenuto la mia mano nella sua per paura che io mi perdessi e come attraverso la preghiera io cerco di richiamare
la sua attenzione; però capisco che come il mio padre terreno
lui mi esorta a camminare ancora un poco sino a quando io mi
farò piccolo cioè umile allora potrò rivolgere il mio sguardo
verso di lui e gli dirò : " Papà in braccio! "

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • vittorio luciano banda il 05/05/2012 18:11
    grazie.
  • Anonimo il 05/05/2012 18:05
    Non essere stanco ancora di camminare Vittorio, è bello averti tra noi. Ti conosco da poco; solo oggi ho scoperto la tua incredibile vena poetica, e sono certa che tu abbia ancora molto da dire e da fare!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0