accedi   |   crea nuovo account

Letargo

Cellulosa su marmo.
Ne avverto l'occulta melodia.
A stento ne decifro le impercettibili note: é la Foglia Canarina che si diletta a ruzzolare con ampie capriole su questo Grigio Prato di mattonelle.

È la mia devota vedetta secolare.
È lei che col suo timido crepitare mi sussurra l'avvento di un Ospite, e fremendo spera per me che sia quello giusto, l'Atteso.

Ma ora si é bruscamente fermata, non la percepisco piu'.

Credo che si sia allarmata scorgendo la Legnosa Poltrona che si erge solitaria, come selvatica croce, su questo alto reticolato di pietre arse: in essa sono sprofondato in un caldo torpore da millenni.

Riposo piacevolmente accarezzato dal Vento e ripetutamente baciato dal suo soffio, che dopo avermi affettuosamente scompigliato i capelli con le sue dita affusolate, scende giu' fino alle nude gambe e le lambisce delicatamente.

Ma ora lo sento tornare su fino a insinuarsi attraverso il petto, diritto nel cuore, e da qui filtrare lento nell' anima, ove si scontra con il respiro greve e asfissiante, polveroso e atro.

Lo vorrebbe bandire con algenti raffiche di rorida brezza mattutina, per poi alitarmi uno spirito convertito a un nuovo giorno, a una nuova era, a un nuovo risveglio.

Ma le Nuvole, mio soffice copricapo, si avvedono che le tiepide carezze di frate Vento non sortiscono alcun effetto.

Allora prodighe mi solleticano deliziosamente la pelle con fresche goccie, come gelidi bruciori vibrano umide purificando la pelle buia che il mio implacabile animo tende sempre per poi non far scoccare mai la Rossa Freccia.

Infine, notando che gli amari e mesti umori non si vogliono ancora congedare, lasciano che il Sole faccia capolino tra loro come maestoso pagliaccio, per farmi sorridere con i suoi buffi giochi di luce, e il suo sorriso stampato, cosi' spudoratamente copiato con semplici e sincere curve dalle matite rosicchiate dei bimbi.

Inatteso percepiscono l'irrigidimento dei muscoli del collo: il mio cipiglio si trascina pigro fino ai profili uggiosi dei Monti.
Le sento rallegrarsi tra loro e vedo che muovono sopra di me qualche gioioso passo di danza: si compiacciono per il mio risveglio.

Quando improvvisa odono la mia indolente voce: " Potete per caso donarmi l'armoniosa e divina Grazia che cerco da millenni?".

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Antonio M il 02/06/2008 12:24
    Difatti è così... qualche mese e balugina, quando non la attendi più, una nuova meravigliosa stagione... Letargo già contiene una speranza: la certezza del risveglio in una nuova stagione (anche se nel testo non si apprezza così tanto ). A presto rileggerci e grazie.
  • Anonimo il 01/06/2008 10:48
    Letargo... uno stato di semi-morte... da cui però ci si risveglia a rinnovata vita!!!
    Molto bello... particolare... complimenti.
    Grazie per il commento al mio racconto...
    A presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0