PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Jeans

Non ce la faccio più a frequentare la mia classe. Non ce la faccio più a essere continuamente preso in giro.
Ogni volta che esco da scuola ringrazio Dio che sia finita...
Tutti mi offendono continuamente solo perché non indosso un paio di Jeans!!!
Tutti i ragazzi della mia età li indossano... tutti tranne me... che indosso uno squallido paio di pantaloni marroni che si usavano cent'anni fa...
Sembro un vecchiardo!!! Vorrei tanto un paio di Jeans... ma mia madre non me li vuole comprare poiché non vuole spendere soldi in "cavolate"...
Maledetti... Chi se ne frega di come si è vestiti...
Se non sei vestito come loro sei fuori dal gruppo... sei una nullità... questi falliti che non faranno mai niente nella vita si credono superiori solo perché indossano dei Jeans!!
Oddio mio... non ce la faccio ad entrare... non si rendono conto di quanto una parola possa ferire... che schifo... ma devo entrare... sono mancato già tantissimi giorni da scuola non posso mancarne altri... devo combattere... se voglio fare qualcosa nella vita al contrario di questi idioti... tutti uguali... tutti vestiti uguali... Jeans... Jeans... vedo Jeans dappertutto...
Ok entro...
-We ciao sfigato... wow quei pantaloni marroni ti identificano perfettamente in quello che sei aahahahahha-
Non ho manco oltrepassato la porta della classe che subito qualcuno mi offende... si divertono a colpirmi... a farmi sentire inferiore... ma quelli più bastardi in assoluto sono tre... se gli altri dopo un po' si fermano... loro no... loro mi torturano continuamente... non hanno limiti...
Stanno sempre insieme... pronti a insultarmi per ogni cosa... Giovanni, Matteo e Cristiano... ma la cosa più grave è un'altra... due stanno nei banchi dietro di me... e l'altro sta nel banco attaccato al mio... è una cosa terribile... lo ha fatto mettere la professoressa vicino a me poiché vedeva che ero sempre solo come un cane e voleva farmi socializzare con i miei compagni.
Sto malissimo... mi tirano cazzotti... mi sputano da dietro... mi tirano le pallette di carta... offese... offese...
Mi siedo al mio posto... Cristiano, il mio compagno di banco è già arrivato e si è già seduto... speriamo non dica niente... speriamo mi lasci in pace...
-We deficiente... come mai sei mancato così tanti giorni da scuola? Non sapevamo chi prendere per il culo ahahahah-
... maledetto... mi sfotte sempre... è solo colpa loro se manco da scuola... è un incubo!
-Sono stato male... ho avuto un po' di febbre-
-Ah si? Che bei pantaloni che hai, dove li hai comprati? Dal vu cumprà di fronte alla scuola? Ehehehe-
Non rispondo... vengono anche Matteo e Giovanni dietro di noi...
-We guardate chi si rivede! Porca miseriaccia se ci sei mancato!!! Ora possiamo finalmente di nuovo allenarci nell'arte dello sputo! Chi becca i pantaloni vince un premio muahauhuhaauhauh-

12345

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Tim Adrian Reed il 06/07/2010 19:31
    Nonostante alcuni piccoli e trascurabil difetti, ho apprezzato molto il racconto e la semplicità con cui hai scritto. Non male!
  • Valerio La Ferla il 20/06/2010 21:22
    P. S.

    Ti invito a leggere e commentare i miei racconti ...
  • Valerio La Ferla il 20/06/2010 21:17
    crudo, senza dubbio, ma pienamente veritiero. Quanti ragazzi ogni giorno sono bombardati da atti di bullismo solo perché sono... un po più attinenti al buongusto e alle regole? Mi piace questo racconto e apprezzo anche il modo in cui hai voluto esprimere questo problema che oggi giorno affligge la gioventù mondiale... un saluto
  • Fabrizio Carollo il 27/05/2009 02:28
    A me è piaciuto molto. Lo trovo senz'altro originale!
  • Tobias Wallace il 10/05/2009 15:02
    Non mi è dispiaciuto, ma niente di eccezionale...
  • Filippo Fronza il 30/11/2008 16:23
    Che dire? L'omologazione può diventare una brutta bestia! I "non omologati", come giustamente fai notare nel tuo scritto, possono perdere la testa e diventare molto molto pericolosi... Un buon racconto horror che, purtroppo, non manca di trovare riscontri nella cronaca di tutti i giorni...
  • Aldo Occhipinti il 15/11/2008 02:59
    Ritmo incalzante, maniacale, angoscioso. Un bel racconto. P. s comunque - oggi come oggi - forse ha più possibiolità di trovare lavoro un excarcerato! ciao---
  • Vale B il 13/09/2008 00:17
    È bellissimo il tuo racconto l'ho letto e riletto, riesce a tenerti incollato fino alla fine. Complimenti! Se ti va passa a leggere i miei racconti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0