PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Due variazioni su tema

Ridevano; ed era come se tutto intorno nulla fosse, o fosse talmente poco da non disturbare, scivolando leggero, come una brezza d'estate, sulla pelle, senza far male e senza graffiare. Ridevano e i loro cuori insieme, amici, battevano una vita fatta dagli stessi rintocchi. Nella mente di lui non c'era spazio per molti pensieri in quel momento: non era abituato a quella sensazione, ma gli piaceva. Il fatto di sentirsi semplicemente bene nel sentirla, nel guardarla, nell'essere guardato da lei. Non si chiedeva nemmeno cosa potesse significare; farlo avrebbe rovinato tutto, smaliziando quella innocente accettazione.
Era così abbandonato a quella condizione che, quando lei parlò, quasi non fece in tempo a capirla, e andò a sbattere con la mente contro le sue parole. Non era riuscito a frenare in tempo quando lei:
-Domani parto- bam! - l'aveva detto.
In fondo, lui lo sapeva già. Gliel'aveva raccontato già da tempo. Sarebbe rimasta via tre mesi, lui si era anche congratulato. Ma perchè adesso si sentiva come se avesse urtato contro un palo, come se qualcuno gli avesse improvvisamente tolto via il sangue e l'avesse sostituito con dell'acqua ghiacciata?
Chi era, lei, per lui?
Non ebbe la forza di chiederlo a se stesso in quel momento. Nè avrebbe mai avuto la forza di chiederlo a lei.
- Adesso devo andare. Un bacio, a presto.
Se ne andò.
Di lei, non gli rimase che una strana domanda, mai fatta, quasi quasi mai pensata.
D'improvviso la realtà tutt'intorno riprese ad essere: ma questa volta era come il vento in inverno. Tagliava la faccia, tanto era freddo.

Uno, due, tre
mesi; una, due,
tre volte
trenta
lunghi
giorni.
Una, una,
una vita intera;
senza lei, lontano da
lei.
Rod stava fermo, all'incrocio, continuando a fissare Eveline che andava via, allontanandosi lungo il vialetto costeggiato dagli alberi. Ogni passo, in quel momento, era un chilometro, e tanti erano quei passi, come tanti i chilometri che li avrebbero separati quando fosse partita. E andata via da lui. Lontana. Per uno, due, tre mesi. Avvertiva una morsa al petto e uno strano brivido, nonostante il caldo terribile di quella giornata. Distolse gli occhi da quella vista dolorosa. Avrebbe voluto guardarsi in faccia, per chiedersi cosa cavolo gli stesse succedendo. Eveline stava partendo, sapeva che era questo il nodo della questione. Solo che non riusciva a spiegarsi perchè mai la cosa avrebbe dovuto sconvolgerlo così tanto. D'accordo che era triste, anche lei lo era, nel momento in cui l'aveva salutato.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: