PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Samuele

Ti guardo, mentre corri, impazzito di gioia, nel verde di questo prato che ti sembrerà infinito.
C’è aria di limoni attorno a te, quando sfrecci a cento all’ora e spargi colori a chi ti sta accanto.
C’è vento, nei tuoi capelli, che soffia armonie di terre lontane e bisbiglia parole di nuvole perse nel loro dirotto vagabondare
Ti guardo, e mi scopro incapace di lasciarti, un giorno, la mano.
Immagino la tua vita futura, uomo solo in mezzo ad una vita che ho imparato a conoscere nella sua inumana indifferenza, una vita che ti ruba il tempo, che frantuma gran parte dei tuoi sogni prima ancora che tu abbai il modo di abbozzarne i profili.
Dal giorno che ti ho conosciuto, sfoglio veloce pagine di giornali che gridano orrori e spengo una televisione che ha dimenticato che bisognerebbe vivere anche di amore e di speranza
Non lo sono, non lo sono mai stato, eppure - lo vedi - divento pietosamente vulnerabile e retorico, se ti penso o se mi abbandono nel guardare le tue lunghe sopracciglia quando riposi la notte, non lontano da me.
Serro le mani ed ingoio l’ennesimo boccone eppure mi trattengo dal toglierti la possibilità di farcela da solo e ti racconto che la vita è bella e va vissuto con coraggio, fino in fondo, e che forse in certi giorni bastardo è meglio che buono, che a volte l’ egoismo è preferibile alla sensibilità e che voltarsi indietro spesso non conviene.
Però…a volte, in certi giorni, spesso. Poi, c’e dell’altro! Non dimenticarlo!
Forse - senza di te - non avrei offerto alloggio a così tante paure.
Forse - senza di te - sarei un altro uomo, non so se peggiore, di certo più vuoto e solo.
Corri! impazzito di gioia, nel verde di questo prato che ti sembrerà infinito, figlio mio!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Kiara Luna il 12/10/2008 15:17
    La gioia più bella è guardarli crescere... il coraggio più grande è lasciarli andare incontro alla vita con solo la speranza nella valigia. Sei un bravo scrittore e un ottimo padre... Auguri di cuore.
  • Anonimo il 11/06/2008 16:23
    Ci siamo passati Alessandro e ti capiamo molto bene. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0