PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ciccia

C'erano una volta due piccoli topolini, uno si chiamava Timmi, mentre suo fratellino Ciccia. Lo chiamavano così perché non la smetteva mai di mangiare ed era molto molto grasso.
Dopo la morte dei genitori, rimasti orfani iniziarono a girare il mondo, finché trovarono casa vicino ad un supermercato.
Di giorno dormivano mentre la notte attraverso un piccolo buco nel muro riuscivano a entrare in quel supermercato ed a procurarsi del cibo.
Timmi era il fratello maggiore, stava molto attento e quando mangiava anche se vi era ancora del cibo di cui approfittarne lui smetteva perché altrimenti ingrassava e chiedeva sempre anche al piccolo fratellino Ciccia di non mangiare troppo, ma purtroppo il piccolo Ciccia non lo ascoltava e continuava a mangiare sempre di più.
Un giorno i1 proprietario del supermercato stanco dei continui furti di cibo, chiese un consiglio ad un suo amico su cosa dovrebbe fare per far terminare quei furti.
Il suo amico gli propose di prendere Luigi, lui ne era certo, sarebbe riuscito a fare quello che lui desiderava, far terminare quei furti.
Luigi era un bei gattone agile e svelto e quando la sera Timmi e suo fratello Ciccia entrarono nel supermercato per mangiare, dopo qualche minuto da lontano videro apparire la sagoma minacciosa di Luigi.
Timmi, che era magro, fu molto svelto a fuggire attraverso un buco nel muro. Anche Ciccia cercò di fuggire, ma era troppo grasso e anche se cercava di correre veloce non era svelto come suo fratello Timmi e quando da lontano riuscì a vedere quel buco nel muro cominciò a pensare che oramai anche lui era sicuro di riuscire a raggiungerlo e cosi a sfuggire alle pericolose e terribili unghie di Luigi.
Purtroppo, quando oramai era sicuro di essere in salvo, Luigi con un salto riuscì a catturarlo. Povero Ciccia, se avesse ascoltato suo fratello Timmi e mangiato di meno, certamente sarebbe riuscito a sfuggire al pericoloso gatto.
Questa storia deve fare riflettere e ricordare che, noi bambini quando sulla tavola o all'interno del frigorifero troviamo molta roba buona da mangiare, qualche volta dobbiamo saper anche rinunciare, perché noi siamo molto ma molto più intelligenti del povero Ciccia.
Perciò piccoli amici miei, bianchi, rossi, neri o gialli, a qualcosa bisogna sempre sapere rinunciare se a lungo noi vogliamo campare.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 04/02/2009 14:05
    carina come fiaba... mi fa venire in mente il cartone di tom e gerry... anche se poi è diversa, bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0