accedi   |   crea nuovo account

Perdersi

A volte non riusciamo a vedere le cose così come sono, forse perché non vogliamo vederle, vogliamo illuderci che sia tutto come vogliamo che sia, forse perché non possiamo neanche immaginare che non sia così; fatto sta che non le vediamo.
E ci andiamo allontanando, ci allontaniamo sempre di più, di più…senza che ce ne rendiamo conto.
Mentre pensiamo di camminare uno al fianco dell’altra, mano nella mano le nostre strade si dividono, prendiamo due direzioni diverse. Procediamo sicuri e spediti, certi di avere l’altro al nostro fianco, sempre e comunque. Non dubitiamo un attimo, mai un attimo un’incertezza.
E ci allontaniamo…
Parliamo e scherziamo e non ci rendiamo conto di non parlare più veramente. Non ci rendiamo conto di non sapere più realmente chi sia la persona al nostro fianco, quali siamo i suoi pensieri, i suoi desideri, i suoi sogni, i suoi reali interessi. Perché le persone crescono, cambiano, e maturano sempre nuovi sogni; e non capiamo più l’importanza di comunicare, di dire e chiedere, di essere sinceri e disposti a parlare di qualsiasi argomento. Perché siamo convinti di conoscere quella persona meglio di chiunque altro.
E quando pensiamo di aver raggiunto il culmine della felicità insieme, quando siamo ormai convinti di essere fatti l’uno per l’altro, ecco che quello è il momento in cui abbiamo superato il punto di non ritorno, in cui ci siamo totalmente distaccati, siamo ormai troppo lontani.
La piccola linea che ci separava inizialmente è diventata adesso, per colpa della troppa sicurezza, un baratro, profondo e insormontabile.
E d’un tratto apriamo gli occhi, ci guardiamo indietro e ci accorgiamo di essere soli, totalmente, desolatamente soli.
E ci vediamo infine, distati, troppo, e per quanto ci sforziamo di raggiungerci le nostre braccia, i nostri sforzi, la nostra volontà non possono nulla. Troppa, troppa distanza. Troppo tempo perduto. Troppa differenza.
E ci guardiamo sgomenti, non capendo come tutto questo sia potuto succedere se fino a un attimo prima eravamo felici. Cerchiamo una colpa nell’altro rifiutando l’idea che possa essere anche colpa nostra, perché siamo ancora troppo, troppo sicuri di noi.
Desolazione, tristezza, amarezza ci riempie…. disperazione…ci sommerge.
Come…com’è potuto accadere…?
Lacrime, calde lacrime…e col cuore infranto un addio…inevitabile…
Sicurezza, indifferenza…perché noi tendiamo a dare sempre tutto per scontato, tanto ci abituiamo ad avere una persona accanto che ad un certo punto ci scordiamo che un rapporto ha bisogno di tante cure, di essere allevato come un cucciolo, con tanta premura e un infinito amore.
A volte non riusciamo a vedere le cose così come sono, forse perché non vogliamo vederle, vogliamo illuderci che sia tutto come vogliamo che sia, forse perché non possiamo neanche immaginare che non sia così; fatto sta che non le vediamo.
E ci andiamo allontanando, ci allontaniamo sempre di più, di più…senza che ce ne rendiamo conto.
Mentre pensiamo di camminare uno al fianco dell’altra, mano nella mano le nostre strade si dividono, prendiamo due direzioni diverse. Procediamo sicuri e spediti, certi di avere l’altro al nostro fianco, sempre e comunque. Non dubitiamo un attimo, mai un attimo un’incertezza.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0