PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

parte prima

È una di quelle sere in cui mi sento la testa e il cuore pulsare freneticamente, scossi dal forte desiderio di raccontare quello che li occupa.
E'  una di quelle sere in cui volentieri starei sul divano (possibilmente non quello blu, che è un po' scomodo )con la testa tuffata nel petto e tra le braccia di chi è disposto a farsi amare da me, di chi è disposto a non avere paura di me, confidando nel suo desiderio di tenermi stretta a se.
È una sera in cui, se fosse possibile, mi estirperei da dentro tutto il dolore che è tracimato nella mia vita, soprattutto negli ultimi dieci anni, relegandolo in un nascosto andito, cosi che resti per me solo un brutto ricordo.
È una sera in cui, se potessi, vorrei chiudere gli occhi contenta, senza essere spaventata da quel che c'è dopo la notte, questa e quelle che verranno.
Quante cavole di cose che vorrei che accadessero in una sola sera! definirmi velleitaria è come usare un eufemismo.

Ad ogni modo, ritenendo impossibile l'esaudirsi (almeno nell'immediatezza)dei miei desideri, l'unica iniziativa da intraprendere, anche se non so quanto utilmente, è quella solita di scrivere, che, come il piangere, ha su di me un effetto catartico, pur se poco durevole nel tempo.

Peraltro scrivere, è un modo per mettere a freno la mia brama interrogatoria, che normalmente  si sfoga sugli altri, e per dar ordine ai miei scompigliati pensieri, che con alterno e a volte contraddittorio contenuto, mi saltellano nella testa e non mi danno tregua.
Insomma, scrivendo, tento di irregimentarli in categorie razionali, cosi dando loro ordine, e di individuarne il nitore dei contenuti.
Quindi se io ti farò leggere quel che ti sto scrivendo (essendone tu il destinatario) , non spaventarti, perchè non stai per essere sottoposto all'ennesima indagine del commissario Maigret. Al massimo, stai per essere invaso da un ondata di pensieri, rispetto ai quali, però , potresti non riuscire a muoverti con la stessa audacia e dimestichezza che usi quando sei sulla tua famiglia.
Attento allora, soprattutto a non fraintendere, con la precisazione che,  in ipotesi di dubbi interpretativi, ti consiglio di far ricorso allo strumento dell'interpretazione autentica, quelo che solo il loro autore può tentarti di dare, sempre che sia possibile  rendere con le parole esattamente la portata e il senso dei miei sentimenti.

Dopo questo non proprio sintetico preambolo, sperando di non averti già annoiato, mi tocca provare a descriverti quello che mi è successo da quando ho iniziato a conoscerti, a parlarti e a sentirti

Innanzitutto, devo dirti che mi sembri una bella persona, quasi che tu fossi la naturale appendice della tua bocca. O forse è lei  ad essere la naturale appendice del tuo bel cuore? in ogni caso il, pur cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia, perchè quel che vedo, quando ti guardo e non solo con gli occhi, mi sembra delizioso. Spero tanto di non sbagliarmi...

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Massimo Bianco il 14/10/2012 15:17
    Testo imtrospettivo, pensieri scompigliati, ripetizione ossessiva di una battuta a richiamare l'attenzione facendo da contrappunto alla psiche affranta dell'io narrante. Racconto sottoforma di missiva. Pessima abitudine di eccedere con passi chiusu tra parentesi, poco letterari. E la solita mania di dividere le storie in puntate, che impedisocno un giudizio circostanziato.

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 18/07/2008 11:12
    ... ognuno di noi vorrebbe sapere cosa pensano di noi i nostri amici...
    ... penso tu gli abbia fatto un gran regalo!
    ... ho letto questo racconto tutto d'un fiato... complimenti!
  • Vincenzo Capitanucci il 04/07/2008 12:44
    Catartico Amore... su divano Rosso... istantaneo Amore... Solubile... in due lacrime in gocce... niente è impossibile... perchè chi ha il Cuore Puro... ma anche Brama...è stufo... dei tuoi interrogatori... non mi spavento... del Tuo Magretto... e non fraintendo... perchè sono l'immagine del tuo specchio... ed il Cuore ha una bocca di delizie... non ti sbagli... anche se mi chiami linguaccia.. ed io teneramente boccuccia... la nostra amicizia non è velleitaria... ma ha un Vello d'Oro...

    Con Amicizia-Amore...

    il tuo delfino di D elfi... il tuo gabbia no.. di Cor into... la tua A qui là di Sparta... e... lasciamo per dere...
    V

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0