PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I monologhi dell'impossibile: La formica spendacciona.

Cara, formichina, sai che ti voglio bene.
Quando stai poco bene, ad esempio, mi preoccupo della tua salute. Sai che per te farei qualsiasi cosa. Perché ora mi chiedi le mie briciole?
Cara, formichina, oggi ho mangiato tutto, non ci sono briciole per te.
Domani quelle che avanzeranno saranno tue.
Ma dimmi formichina: il tuo lavoro ti sfianca? Ti senti spremuta fino all’osso?
Non preoccuparti formichina, un po’ di riposo ed una moderata attività sportiva dovrebbero rimetterti in sesto.
Sai, formichina, ho comprato una bellissima barca? Un giorno ci andremo assieme.
Ascolta, formichina: questo mese hai depositato i tuoi risparmi in banca?
No? Perché hai speso tutto? Ma come si fa a spendere l’intero stipendio, senza mettere nulla da parte? Formichina spendacciona!
Vediamo se possiamo riequilibrare la situazione.
Dimmi, formichina: cosa leggi durante il tempo libero? Il manuale della brava formichina?
Ma, no! Tu, formichina, dovresti investire i tuoi risparmi in borsa, dovresti prestare il tuo denaro ad un tasso altissimo, dovresti diventare una macchina in grado di produrre denaro. Altrimenti dovrai dire addio ai tuoi sogni.
Non sono questi i tuoi sogni? Il tuo sogno è accontentarti ed essere serena?
Ma cara, formichina, tu ragioni da formichina. Anzi, sai che ti dico?
Non meriti nemmeno di vivere! Ora ti schiaccio!
Ciack!

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 22/06/2010 14:42
    Povera formichina, che brutta fine ha fatto...
  • Marta Niero il 07/08/2008 13:06
    sto scorrendo tutti i tuoi pensieri.. opere delicate anche quando esprimi passione, sensibili.. e questa mi è piaciuta molto
    ciao
  • Cinzia Gargiulo il 20/07/2008 20:27
    Bellissimo racconto che esprime una grande verità del mondo del lavoro... L'imprenditore definisce la povera formichina spendacciona non tenendo presente che è lui a darle uno stipendio da fame... siamo tutti oggi come questa formichina perchè chi vive di stipendio non riesce più a risparmiare nulla e alla fine veniamo schiacciati da questo sistema...
    Anche qui riveli la tua sensibilità verso problemi sociali.
    Un :bacio:
  • Fabio Mancini il 19/07/2008 13:38
    Grazie, Sara, la tua interpretazione è coerente con il pensiero dominante della società che impone comportamenti omologati e conformisti. Personalmente mi schiero per la schiettezza dei sentimenti e non piuttosto per il pragmatismo esasperato. Un'altro gentile saluto, Fabio
  • Fabio Mancini il 18/07/2008 22:53
    Gentilissime lettrici e commentatrici, il racconto che avete letto è metaforico. Dietro ogni formica/formichina c'è un lavoratore, o una lavoratrice che deve tirare avanti con quello che riesce a portare a casa. L'interlocutore della formica è qualsiasi dotore di lavoro che dietro la facciata paternalistica (vedi la parte iniziale) nasconde in realtà l'egoismo e l'ipocrisia. Alla fine la formica muore, ma sarebbe morta ugualmente di stenti e di sacrifici. Un saluto, Fabio
  • F S il 18/07/2008 22:35
    Beh, il racconto è piuttosto carino, solo mi spiace per la formikina ke ha fatto una brutta fine!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0