accedi   |   crea nuovo account

emozione spiccia

Soltanto io e la civetta sappiamo guardare il tramonto.
Nei nostri occhi la stessa luce la stessa immagine di lucenti spumeggianti indisciplinate nuvole che a poco a poco si colorano di pigmenti impossibili da catturare e realizzare.
Soltanto io e lei sappiamo dove deve soffermare il nostro sguardo, quale cumulo si merita i suoi secondi di gloria in quel grande palcoscenico che è il cielo, e così la mia compagna di emozioni spicce ed io ce ne stiamo lì ferme immobili, nella smaniosa attesa di giudicare quello che arriva, al di sopra di ogni cosa al di sopra dei nostri doveri reciproci, al di sopra anche di quello che stiamo vedendo.
La mia tacita implacabile compagna fra poche ore sarà giustiziera, ma non dimentica mai di umanizzarsi silenziosamente per pochi minuti e perdersi insieme a me nei minimi particolari di questo incredibile intricato canovaccio.
Quando il vento poi sembra essere deciso a sciogliere il trucco di scena e a svelare la trica, vola via, in un rapido muto salto, ritorna rapace... ma stranamente dopo un po’ in lontananza emette il suo sibilo un corto stridente verso che sembra dirmi:
”non importa; domani, c’è ancora domani”.
Le voglio credere, sembra che ne sappia molto più di me...
Chissà forse sono solo suggestioni di una sognatrice spiccia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 23/07/2008 16:07
    meraviglioso!!!!

    impregnato di fiabesco lirismo!
    come mi è piaciuto!!!!
    evviva!!!!!