PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come cambiano le cose

È strano come cambiano le cose dopo il matrimonio. Un giorno, parecchi tempi dopo il mio matrimonio, sento il marito più bravo del mondo, che sarebbe il mio che mormorava in modo lamentoso :
- Eh, ma come mai non mi ero acorto del tuo naso!
Io stai zita e pensavo che forse non c'e l'aveva con me. La prima volta non gli ho dato tanta importanza. Ma la seconda, sono andata dai miei vicini di casa e mi sono presa in prestito parechi spechi. Mi sono chiusa dentro la mia stanza e per ore guardavo il mio naso. L'ho guardato da sopra, ai lati, in profilo, semiprofilo, in ogni posizione che si puo vedere questo beato naso. Dire la verita avevo paura che il mio naso era cambiato, chissa cosa gli era successo dopo il mio matrimonio. Ma no. Era lo stesso, veramente per niente bello, ma era lo stesso. Li dico al mio marito :
- Ma io, ho avuto sempre questo naso!
E lui mi risponde :
- Davvero!? Forse, a me non sembra lo stesso.
Pensai e pensai come era possibile non poter vedere un naso. Puoi nascondere tanti diffeti, ma il naso... neanche il Creatore non te lo puo nascondere. Alla fine, la conclusione era che mio marito aveva subito qualcosa di strano negli occhi o... nel cervello, e decisi di non parlare più di questo discorso. Ma non era detto. Dopo due settimane lo sentii che mi chiamava :
- Nasone!
Vado in camera a vedere chi era quel rispettato nasone. Nessun altro li dentro, solo io ed lui. Credevo che avevo sentito malle.
- Nasone, portami una birra!
L'ho capito bene. Quel rispettato nasone ero io.
- Come mai mi chiami nasone?
- Perche no, guardati che naso che hai!
- Veramente? Vai a cercarti un bel naso!
In poche parole abbiamo bisticiato, eccome. Dopo il nasone erano altri bei nomi per il mio povero naso e mi sono arrabbiata tanto. Alla fine, lui l'indomani doveva andare dall'avvocato per cominciare le pratiche per il divorzio.

Sono passati molto anni. L'avvocato non mi ha chiamato ancora. Si vede che al marito più buono del mondo non gli andava tanto questa idea. O ci ha ripensato o... pensa che avere una moglie con un bel naso non sara tanto piacevole. Altrimenti la vita diventa noiosa, monotona e senza variazioni. Cosi va meglio. Ogni volta che sei arrabiato, per ogni piccola cosa puoi sfogarti sul naso di tua moglie. Per quello che riguarda me, credo che con quel naso che mi ha dato la natura forse sarei rimasta zitella, meno male che gli dei hanno chiuso gli occhi a mio marito per non vederla bene. Se il mio naso sarebbe stato diverso, chissà come sarebbe il mio destino. Non ha detto male colui che ha detto una volta che se il naso di Cleopatra era diverso, la storia del mondo sarebbe diversa. Adesso, ogni volta che lui insulta il mio naso gli rispondo calma e tranquilla :
- Puoi dire tutto cio che vuoi, ma il mio naso è bello, anzi bellissimo!
E credo che dopo altri dieci anni con me, il mio naso sarà sicuramente il più bel naso del mondo per lui.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Matteo Antaresi il 30/10/2009 21:02
    Mi riesce difficile esprimere ciò che seriamente penso di questo racconto.
    Inutile dire che è simpaticissimo, a mio parere, pieno di brio, ma una domanda: solo a me appare leggermente contraddittoria la figura di lui, immersa nell'inettitudine quella di lei e sacralmente esposta quella del naso? Voglio dire, il marito più bravi del mondo non cambia improvvisamente idea per un naso: quello, può solo essere l'oggetto palese - e incredibile - della volontà di separazione. Evidentemente per lui c'è la necessità di cambiare vita, certo, ma i motivi devono necessariamente essere altri. Tutto questo, a meno che dietro non ci sia una riflessione altra, più profonda, che io non ho saputo cogliere: se così fosse, invito suzana Kuqi a fare chiarezza.
    D'altro canto, dove eccelle la simpatia e l'ilarità, difetta la grammatica: alcuni elementi della punteggiatura, la correlativa neanche... non, alcuni accenti e maiuscole che io spero derivino da attimi di distrazione.
    Grazie dell'attenzione
  • suzana Kuqi il 11/09/2008 19:40
    Grazie sara, grazie claudia. Si, che lo ha capito, ma sai... i uomini...
  • claudia checchi il 11/09/2008 17:51
    concordo con Sara... bella storia... ciao.
  • sara rota il 02/09/2008 07:27
    Simpatica storia... mi sa che più che il tuo naso tuo marito non abbia proprio capito la bella persona che sei...
  • suzana Kuqi il 01/09/2008 18:03
    Grazie Nicola
  • Nicola Saracino il 01/09/2008 15:37
    Il naso... agnello sacrificale, quasi icona cristiana. Bel testo, suzana!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0