accedi   |   crea nuovo account

Ragazzine

Ragazzine mai avute, che appartenete agli anni '60. Lontane da qui, lontane nel tempo.
Ho sognato, tremato, ho trascorso notti insonni per le vostre trecce brune; ho scritto poesie per i vostri occhi; ho provato deliri per le vostre minigonne pieghettate, per le scarpette di vernice nera; per le bluse ondulate dai seni acerbi.
Ragazzine scomparse, che rivivete nelle foto in bianco e nero. Con le espressioni un po' triste, trasognata.
Ragazzine perdute, voi mi ricordate le musiche, i balli, i capelli lunghi e le camicie a fiori degli hippy.
Ragazzine desiderate e mai avute. Ragazzine che ho tanto amato. Dolcezze che facevano soffrire; amori che facevano morire.
Ragazzine incantevoli che ancora adesso mi date brividi ed emozioni di eternità. Sorridenti, in bikini sulle spiagge, abbracciate tra di voi, regalate cascate di gioia nel nostro misero mondo.
Dove siete? Restate sempre qui, in queste foto ingiallite, nella mia memoria, nei miei sogni di povero poeta.

Febbraio 2006

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vinter_ il 19/06/2007 17:06
    Da quando la malinconia è negativa?

    Bello. Davvero bello e sentito.
  • Alessandro Sampietro il 07/06/2007 08:57
    Secondo me no, non è una visione amara; sono brandelli di memoria a cui aggrapparsi con dolcezza, no?
  • Ettore il 18/12/2006 00:52
    Non è un po' troppo malinconica questa visione?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0