accedi   |   crea nuovo account

Noi, e le parolacce

Mia figlia ha fatto una scuola dove la maggior parte dei alunni erano maschi, pensateci, solo cinque ragazze tra cinquanta ragazzi. No, niente di male, non ha avuti dei problemi, perchè ha la testa sulle spalle e sa rispondere a chiunque, ma il problema è che è diventato un po maschiaccio. È passato il tempo dei bei vestiti e delle belle pettinature, solo i jeans, magliette e scarpe che sembrano da militare. Non ne parliamo del vocabolario. Ma non è che la usa con me o con suo padre, neanche con i nostri amici, è molto educata. Ma un giorno che per caso ero tornata prima dal lavoro, lei, non si era accorta e stava litigando con suo fratello, l'ho sentita. A dire la verità non potevo capire chi era il maschio tra loro due... Stavo in piedi nel corrodoio e sentivo con la mandibola che mi era scesa giù. Dopo qualche minuto, dalla sala esce mio figlio, arrossato come una ragazza timida. Quando i suoi occhi incontrarono i miei mi disse :
- Diglielo te di chiudere la bocca altrimenti lo picchio...- e entrò nella sua camera e io sentì un rumore forte e mi sembro che il muro cadesse giù. Allora capì perche i muri e il frigo avevano quei segni strani... era lui che li prendeva con i pugni.

Queste cose mi fanno mettere a pensare. Noi, eravamo educati in una maniera diversa nel nostro tempo e nel nostro paese, anche se eravamo poveri e nelle condizioni per niente desiderati, non usavamo mai le parolacce. E non solo. Quando li sentivamo, diventavamo rossi fin alle orecchie come i papaveri, e pensa te se potevamo usarle in casa. Mi ricordo che quando avevo cominciato a lavorare per la prima volta in regola in una struttura qui, mi capita una collega che quando parlava, una parola su tre, era una parolaccia. Dio mio, pensai, io avevo conosciuto l'Iatlia tramite la Tv e pensavo che le parolacce non esistevano. Ma le parolacce si imparano presto, e dopo un po' di tempo cominciai a rispondere e dare anche il resto, di sicuro sceglievo la moneta più piccola. Strano però, ma non mi vergognavo, per lo più per me era una lingua straniera e non mi faceva lo stesso effetto che mi fanno nella mia lingua. Perciò , un giorno che i miei adorabili figli stavano litigando e il più bravo marito del mondo faceva finta di non sentire, non so come fa fare il sordo quando non li interessa, io osai a dire una parolaccia perchè dovevano finirla. Voi credete che ha fatto qualche effetto su miei figli? Neanche l'hanno sentito. Invece mio marito che l'aveva sentita mi guardava meravigliato come se fossi un alieno.
- Perchè mi guardi così ? dico io arrabbiata pronta a far fuoco su di lui.
Lui non mi rispose per un pò, poi mi dice tranquillamente :
- Quando la donna comincia a usare le parolacce, vuol dire che sta per diventare vecchia.

L'effetto era pieno. Dopo questo non ho mai più usato le parolacce in casa mia. Potevo accettare che ero maleducata... potevo accettare tutto ma... che stavo per diventare vecchia... mai. In fin dei conti quale altra donna lo può accettare...?

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 12/09/2012 22:49
    Molto divertente Suzana, non avevo mai pensato che le parolacce invecchiano. Bello.

    Suz
  • soloio- samojaz il 15/11/2011 20:30
    Brava Suzana, hai descritto proprio bene la situazione!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0