PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Marilyn

Il “dottore” si siede nella poltrona, Ghiddi servizievole e con quel tono mellifluo tipico dei barbieri chiede:
- La solita barba, dottore?-
Solo un cenno del capo, affermativo.
Panno pulito dispiegato con ampio gesto e allacciato.
Mi toglie il giornale dalle mani, lo sistema bene, lo richiude alla prima pagina e lo porge al “dottore”.
Caratteri cubitali.
- Ha visto, dottore, è morta Marilyn Monroe.-
Il “dottore” apre il giornale saltando ostentatamente le prime pagine e lapidario:
- ‘Na puttana de meno.-

1962

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Lunetta il 06/04/2014 12:13
    Ho studiato a fonda la vita di Marilyn : ne sono appassionata.
    Spesso si mette una determinata "targhetta" sulle persone identificandole il più delle volte come quello che non sono. Inoltre credo sia agghiacciante la freddezza che scaturisce nel "dottore" un volta che ha saputo della morte. L'indifferenza uccide l'uomo.
  • Antonio Sattin il 04/03/2009 09:58
    orrore
  • Sergio Celetti il 29/09/2008 13:22
    Vorrei precisare, a scanso di equivoci, che il giudizio alquanto sbrigativo su Marilyn non è mio ma lo metto in bocca al "dottore". By.
  • Riccardo Brumana il 29/09/2008 13:17
    onestamente non è che sia riuscito a farmi una idea precisa su Marilyn, anche perchè non mi è mai interessato farlo.
    però ricordo che un giorno "qualcuno" disse:
    beate le prostitute e i pagani, poichè saranno i primi nella casa del Padre mio.
    ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0