PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La proposta (Racconto dedicato)

Accesi la luce dell’ingresso e un enorme scarafaggio mi venne incontro.
Toh! Uno scarafaggio! Esclamai.
E lui di rimando: Ti stavo aspettando. Devo farti una proposta.
- Sentiamo …
- Desidero che tu mi uccida in diretta, mentre i miei collaboratori riprenderanno la scena.
- E perché dovrei farlo?
- La mia vita è stata completamente filmata. Sui miei sentimenti ne ho tratto racconti e poesie affinché si conoscessero le mie passioni. I miei successi sono stati amplificati perché si diffondesse il mio mito, mentre i miei insuccessi sono stati occultati.
- Va bene. Ma entriamo nel dettaglio …
- Oggi tu devi uccidermi. Ma dovrà sembrare un incidente. Sento che mi sentirei un fallito, se i miei contemporanei non vedessero la mia fine.
- D’accordo! Ma io che cosa ci guadagno?
- I nostri destini saranno legati per sempre. Insieme entreremmo nei libri di storia degli scarafaggi. Tu sarai temuto e rispettato, mentre io entrerò nella leggenda.
- Ciack! Ora sei entrato nella leggenda!
- Noooo! Cosa hai fatto! Hai ucciso il Presidente quando noi non eravamo ancora pronti!
- Mi dispiace. Ma se devo fare il becchino, lo faccio alle mie condizioni.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • luca il 06/11/2011 21:29
    bel racconto bello veramente!!
  • Cinzia Gargiulo il 20/09/2008 23:41
    Farsi uccidere per entrare nella leggenda... mi dispiace ma lo trovo assurdo... una metafora per dire che in pratica c'è chi ricorrerebbe a qualsiasi sistema per far parlare di sè. In realtà lo fanno in tanti ma io non condivido, se poi lo si fa per trovare ispirazione peggio ancora.
    Per me la vera poesia nasce spontanea nell'animo di chi scrive ed è più che normale passare dei periodi in cui non si è ispirati, basta aspettare e la vera ispirazione tornerà da sola senza inutili forzature ma semplicemente sapendo osservare ciò che accade intorno a noi.
    Hai fatto bene a non lasciarti coinvolgere.
    Un bel racconto.
    Ti abbraccio...
  • Fabio Mancini il 20/09/2008 23:05
    Questo racconto è rivolto a quelle persone che suscitano molteplici sentimenti, non perché li provano spontaneamente, ma perché devono soddisfare un disegno speculare. Lo scopo di taluni atteggiamenti è quello di sondare sentimenti e reazioni degli altri, al fine di trovare un ulteriore ispirazione letteraria. Non mi è successo su questo Sito, ma su altri. E poiché la libertà è una forza interiore, non mi sono lasciato coinvolgere... Grazie, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0