accedi   |   crea nuovo account

rendez-vous

"... che dire? potrei parlare di tanto e di tutto, annoiarvi a morte, disgustarvi o divertirvi.
Ma! Non ho alcun interesse a lambicarmi il cervello.
Sappiate solo di un seme!
Un piccolo seme di rovo che il vento del deserto messicano, quello a nord-ovest a confine con la California, ha portato a zonzo, così! a capriccio.
Sappiate d'un piccolo sasso dorato, di sabbia compressa, che si è posto ad ostacolo, tanto per cui il semino di rovo è precipitato in una tana di grillotalpa abbandonata.
Goccie di urina di coyote, provvidenziali, hanno allagato il giacilio del nostro seme coriaceo.
Miracolo noioso della vita.
Il seme si è rammollito e germina.
Un verde virgulto coraggioso si fa strada verso la luce e cresce, cresce, cresce...
10 zolle più in là, o sassi... insomma quel che vi pare, un grosso migale velenoso, una mamma, figlia delle uova feconde.
400 miglia più a nord un giovane uomo compie 18 anni e raggiante riceve in regalo una splendida herly orgogliosamente cromata...

(Piccola pausa: se siete cattivi quanto me avete già intuito il dipanarsi!)

Un vecchio atlante sotto lo sguardo del giovane centauro... il sogno di un viaggio... si punge il dito chiude gli occhi e lascia cadere una goccia di sangue a casaccio sulla mappa d'America...
Il giorno agoniato agghindato a dovere con casco e stivali texani il biondo viaggiatore parte diretto in un luogo latino con troppe vocali e "x" per pronunciarlo a modo.
Il nostro giovane rovo, frattanto,è cresciuto e non accenna a smettere, ma un captus ne imprigiona la punta con un grosso spino, si che il nerbo crescente si inarca via via caricandosi a molla.
Le uova di ragno velenoso sono li vuote da tempo e ormai i ragnetti sono temibili predatori...(Avrete già capito...)
Non soffia il vento sulla carettera che attravesa il deserto, si sente distinto e potente il rombo di moto in passaggio.
Il migale nero e rossiccio si inerpica su un nerboruto ramo di rovo...
Basta il suo peso di ragno e la molla del rovo prevale sulla spina del captus.
Il giovane eroe è stufo ed accaldato... solleva con sollievo la visiera del casco integrale...
Non saprà mai come sono fatte le ciquitas di quel luogo con troppe "x"
Il ragno gia vecchio si vanterà con il deserto della incredibile preda...
Il rovo sorriderà come un vecchio saggio che ne ha viste di cose del mondo!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 26/10/2008 20:02
    Bravissimo. Ed elegante.
    Poco frequentato lo spazio della prosa. Non sanno... la poesia che si perdono. Ami l'esotico, conosco altri tuoi quadretti ancor più poetici.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0