PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mia aspirazione

Ancora non riesco a capire quello che è successo. Non riesco a capire perche’ mi trovo in questa caverna nel buio piu’ assoluto e perche’ le membra mi fanno cosi’ male. Non posso vederli, ma avverto che ci sono cadaveri qui accanto a me. Tutto è accaduto cosi’ repentinamente che non ho avuto modo di reagire, di scappare, ma tale è la mia frustrazione adesso, che credo tutto sarebbe stato inutile.
Ricordo che mi trovavo nello studio. Era una bella giornata, e molta luce proveniva dalla porta-finestra dalla quale ero entrato. Mi stavo soffermando sulla tela che avevo appena dipinto: da essa dipendeva gran parte del mio futuro sostentamento. All’improvviso ho udito un frastuono proveniente dal soggiorno: sono rimasto ad ascoltare impaurito, finche’ non è cessato. Poi un rumore di passi in avvicinamento: la porta della stanza si è aperta ed io, istintivamente, mi sono schiacciato alla parete. Una donna è entrata, si è guardata intorno e mi ha notato subito. Si è avvicinata e mi ha puntato contro una specie di fucile, con una canna lucida e molto larga. Non ho potuto fare niente: di nuovo il fragore ha riempito la stanza.
Mi sono ritrovato come dentro un vortice, il tempo e lo spazio senza un senso. Non so per quanto ho viaggiato, ma adesso mi ritrovo qua, in questa caverna, sorpreso di essere ancora vivo, ma vivo chissa’ ancora per quanto.
È tutto buio qua dentro, c’e’ puzza di cadavere, e cinque delle mie otto gambe fanno tremendamente male.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • MARCO POLVERELLI il 04/10/2010 11:41
    La tua capacità di scrittura, ha dato vita a un buon brano
  • Philip Burns il 07/07/2010 19:51
    particolare... comunque carino
  • Anonimo il 07/08/2009 13:48
    scorrevole... surreale a tratti... mi piace!
  • Tobias Wallace il 10/05/2009 14:29
    Si vero meglio ultimato... comunque davvero carino
  • Fabrizio Carollo il 17/04/2009 18:53
    Singolare e molto piacevole...
  • Anonimo il 08/04/2009 16:17
    Divertente. Mi è piaciuta.
  • GozzaGugh il 30/12/2008 15:52
    Molto bello, complimenti. Anche il titolo, originale.
  • Giovanni Conti il 24/12/2008 00:58
    Bellissima! Con "ultimato" in effetti sarebbe ancora meglio!
  • rossella bisceglia il 02/11/2008 22:42
    un ragno, un'aspirapolvere... unico appunto: avrei usato "ultimato" al posto di "dipinto". Insisti, non c'è male
    ross
  • Riccardo Parenti il 02/11/2008 22:33
    purtroppo si'!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0