PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Hic sunt limones

Nessuno di noi era mai andato oltre il muro a secco, dove si vedeva solo cielo e piante di limoni. Ci avevano detto di non allontanarci dal paese. Si giocava a pallone nel campo a ridosso della chiesa, o alla guerra fra le case diroccate, ma ogni tanto guardavamo il muro e i limoni, immaginando quello che poteva esserci al di là. Passò l’estate. Da tempo si parlava della nuova provinciale che correva giù a valle, dopo i campi di limoni. “La si prende facile con la strada bianca che trovi dopo casa di Pino”, disse Adelmo a papà indicando a lungo con il braccio. La macchina correva alzando nuvole bianche, come fa la nave con le onde. Da una parte e dall’altra, il verde brillava di puntini gialli. Con la mia Oklaoma in pugno guardavo attento quel mare che si apriva. In fondo alla strada bianca, dopo i campi di limoni, c’erano le donne sedute con i vecchi fuori dalle case. Tutti ci guardavano, e anche i bambini corsero a vedere: uno, sorridendo, mi salutò a due mani. Appoggiata l’Oklaoma sul sedile, ricambiai, appena prima che papà si immettesse sulla nuova provinciale.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • marco moresco il 05/03/2010 09:01
    Grazie Raffaele, un commento lusinghiero, essere detonatore di emozioni è l'aspirazione di chiunque metta mano alla scrittura.
  • Anonimo il 05/03/2010 03:25
    Leggendo il tuo racconto ho rievocato sensazioni simili provate nella mia infanzia... grazie Marco per avermele restituite arricchite dalla tua prosa fresca e sincera come quella di un uomo che non ha smesso di sorridere al bambino interiore...
  • marco moresco il 07/11/2008 18:28
    grazie Ugo, sempre gentile
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/11/2008 18:07
    La completezza del breve racconto mette in rilievo l'intensità del ricordo, profumato e affascinato di gioventù.
  • marco moresco il 07/11/2008 11:15
    be' la terra dei limones (leones) rappresenta lo sconosciuto e il mistero, che spesso si rivela molto più conosciuto e domestico di quanto si pensi, è interessante quello che scrivi perchè mi svela quanto le visioni della vita possano essere diverse, accontentarsi del presente a me sembra una conquista, ciao
  • marco moresco il 07/11/2008 09:34
    troppo buona, grazie Sophie

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0