accedi   |   crea nuovo account

FANTASIA

Ero seduti in una panchina di un parco pubblico quando si è avvicinato e seduto vicino a me un viandante elegante, anziano e nei suoi occhi ho letto la tristezza e la stanchezza.
Timidamente gli ho chiesto il motivo del suo stato d’animo ed egli mi ha risposto:
“Sai, nella mia vita ho sempre lottato per avere tutto, denaro, amore, agiatezza ed in questa lotta per ottenere questi risultati non ho avuto rispetto per nessuno, travolgevo tutto quello che mi capitava davanti e non mi interessava della scia negativa che lasciavo alle mie spalle.
Poi col passar degli anni sono rimasto solo ma padrone del tempo e del denaro e nella mia solitudine ho cercato di capire quello che ero.
Il denaro, la case, l’agiatezza avevano riempito la mia vita e non avevo avuto un attimo per fermarmi e riflettere di ciò che mi rimaneva, ma non mi accorgevo che più diventavo ricco più rimanevo solo.
E un giorno mi sono incamminato per le strade del mondo cercando qualcosa che riempisse la mia solitudine, ma non sono riuscito a trovare nulla.
Allora io mi sono permesso di dirgli:
“Lascia tutto e sali su quel monte, alza le mani verso il cielo e con gli occhi guarda in alto, forse allora capirai.”
L’uomo si è incamminato verso il monte e d’allora non l’ho più visto fino a quando una mattina sedendomi sulla solita panchina ho visto che vi era stata appoggiata una rosa, ma cosa strana era senza spine.
L’ho presa tra le mani ed ho pensato: Forse quell’uomo aveva ritrovato Dio e la sua felicità perduta, o forse è stato tutto un sogno frutto della mia fantasia.
Ma la rosa, cosa rappresentava?... Lascio a voi che la leggete la conclusione.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Marcello De Tullio il 07/12/2011 09:48
    Il significato della rosa per me era che quell'uomo prima di morire avendo trovato la pace, la bontà e l'amore nel suo cuore valori che aveva perso come segno del perdono ricevuto Dio gli aveva donato una rosa ma aveva tolto le spine perchè lui nell'altra vita non avrebbe dovuto soffrire più.
  • Marcello Insinna il 05/12/2011 21:03
    Secondo me, la rosa poteva averla lasciata chiunque. Non c'era neanche un biglietto?
  • Giancarlo Stancanelli il 23/11/2008 10:43
    Sono un po' perplesso.
    Non riesco a capire se mi piace molto oppure no.
    Lo rileggerò ancora con maggior attenzione.