PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

PENSIERI SPERIMENTALI

(È il titolo del primo dei capitoli del fascicolo misterioso che mi accingo a leggere.)


Semaforo rosso! Piove.
I tergicristalli oscillano ipnotici.
Il motore, al minimo, fa le fusa.
Un grigio vuoto.
La radio trasmette un concerto di classica; autore “Franz”, direttore “Herbert ”.
La conosco! È di una volgarità rozza, ma ha il potere di sedurmi.
Ben altro sono le opere di “Ludwig”. Razionalmente lo so, ma questa di “Franz” mi rimescola l’animo.
Rosso! Piove.
Perchè non fare quel gioco che inventai da ragazzino?
Ma si! Chi se ne frega.
Accetto l’ipnosi e mi lascio andare al flusso della musica.
Vedo con l’immaginazione e lascio la mente reagire in sintonia con le note.
Ecco il crescendo. Arriva... arriva... ah... un infinito, vertiginoso prato verde... Ecco l’adagio. Ora plano su un maestoso fiume di acqua azzurra.
Riesplode il crescendo... aaaah... mi toglie il fiato. Un esercito immenso emerge da dietro le colline ed invade la pianura.
Pianissimo! Un deserto sconfinato, silente... nobile.
Un senso di languore mi pervade.
Ricordo quando quel giorno, io dodicienne, facendo lo stesso gioco, avevo sperimentato un viaggio usando l’equazione “OLTRE” . Come una infinita matrioska mi ero immaginato il contenitore contenuto nel contenitore che è contenuto... Universi compresi in universi dentro altri universi...
Perchè, adesso, non invertire il viaggio?
Nuova equazione: “ENTRO”.
Inizia il viaggio e la musica diviene remota. Si affievolisce e scompare.
M’immergo in uno spazio turchino privo di riferimenti. Poi, man mano mi vengono incontro figure, sensazioni e odori. Alcune sono percezioni a me note, volti e fatti della mia vita, caposaldi della memoria. Altre mi sembrano inedite, forse risorse del subconscio.
Ad un tratto una di queste figure si rivolge a me.
È me stesso a dodici anni. Capisco che è(sono) in viaggio nella direzione opposta alla mia(sua) da quel giorno del gioco. Con espressione sgomenta, che mi intenerisce, cerca(cerco) di impedirmi(impedirsi) di proseguire nell’ENTRO.
Allontano da me la figura con ferma gentilezza.


Proseguo.
Ecco un riferimento nell’azzurro, un punto di vuoto d’un nero assoluto. Là sto andando. Lo spazio, che mi circonda, si raccoglie dietro di me in forma di vortice.
Ormai è una caduta.
Una nuova presenza, la più struggente, me stesso a due anni. La sfioro appena.
Ora i seni enormi... saporiti di latte di mia madre mi avvolgono e turbinando con tutto il resto giungono con me sulla soglia del nero orifizio... poi, una dolcezza infinita...!
Verde! Piove.
Andante con moto, “Herbert” è all’apice, perfetto e grandioso.
Qualcuno, imprecando sotto la pioggia, apre la portiera sinistra dell’autovettura... tace sorpreso.
Sul sedile del pilota, vestiti da uomo vuoti e, sotto i pedali di guida, scarpe inglesi con calze.
Dalla radio applausi...

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Cesira Sinibaldi il 22/01/2010 22:44
    Voglia di psicanalisi!!?? o, semplicemente, io so fuggire quando voglio dal quotidiano banale... e so tornare quando voglio con uno sberleffo!
  • Francesco Lannino il 08/12/2008 18:19
    Bell'esperimento, grande musica!
  • carlo degli andreasi il 24/11/2008 19:00
    vero... anzi di più: PAGANO ANTICO... ciao Sophie
  • carlo degli andreasi il 24/11/2008 18:52
    Sophie grazie... molto sottile... io sono già più grossolano, mi immedesimo, nella corrida, con il toro...
  • carlo degli andreasi il 24/11/2008 12:01
    beneficio ancora di un tuo efficace ed intelligente giudizio... e ne ho piacere, dato che io soffro di una forma di claustrofobia cognitiva, nel senso che non conoscere mi rende prigioniero, sfrutto le frequenze dello spetro marginali apparentemente insignificanti, convinto di sorprenderci il puparo nascosto...
  • Anonimo il 24/11/2008 11:44
    Splendido finale, inatteso eppure logico... nell'illogico.
    Peraltro ho ricordato certi stati febbrili dell'infanzia che mi perdevano in spirali fra l'infinitamente grande e l'estremo piccolo e che mi capacitavano in qualche modo della mia mia entità universale. Sensazioni che più non tornano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0