PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'eremita e la porta invisibile

Un eremita raggiunse una porta chiusa sul sentiero della sua vita, e dopo averla a lungo osservata, si mise a spingerla per cercare di aprirla, ma la porta non accennò a cediture.
Ti aprirò maledetta!
Disse l'eremita profondamente provato dallo sforzo e quando le forze gli furono tornate, escogitò un sistema per aprirla. Raccolse dei rami di legno secco e con tutte le sue forze cercò di fare una leva per rompere la serratura. Ma neppure questo sistema diede i frutti sperati.
Non fermerai il mio cammino!
Disse con fermezza, e tornò indietro sui suoi passi, durante il suo procedere aveva scorto in un pascolo lontano un toro, lo catturò portandolo con se sino alla porta, che aveva dipinto di rosso e incitando il toro, fece in modo che la sfondasse con le corna.
L'eremita passò oltre la porta soddisfatto, era riuscito a superarla, e mentre procedeva sul suo sentiero si trovò di fronte a un portone, rinforzato da una struttura di ferro. Stavolta non perse tempo a cercare di aprirlo e neppure provò a scassinarlo, tornò indietro nel suo cammino, aveva visto strada facendo un trattore abbandonato, lo mise in moto e si lanciò contro il portone abbattendolo.
Sul sentiero dell'eremita non furono certo le porte a mancare, più ne buttava giù, e più se ne contrapponevano. Sino a quando si trovò di fronte a una porta invisibile, una porta che non avrebbe mai potuto aprire, perché neppure riusciva a vederla. E davanti a quella porta invisibile, l'eremita si fermò.
Erano ormai trascorsi molti giorni da quando aveva fermato il suo cammino, e improvvisamente dinnanzi ai suoi occhi si materializzò una clessidra, l'eremita spostò immediatamente l'attenzione verso questa inattesa novità, e la clessidra prese nel dire:
Fermi il cammino, ma non puoi fermare il tempo!
Il tempo passa per tutti clessidra, ed io ne sono pienamente consapevole, ma questa porta è invisibile ed io non posso aprirla!
Eremita il problema non è la porta, ma il tuo non voler capire. La vita è un fiume in corsa, che tutto avvolge e travolge, e se ostacolo scorge altrove volge.
E aggiunse:
Quante porte hai trovato sul tuo cammino? Ti sei mai chiesto il perché?
No!
Rispose l'eremita.
Erano ostacoli ed io li dovevo superare!
Eremita tu non li hai superati, li hai combattuti. Ogni cammino ha le sue porte, ma il giusto guardare è la chiave che le supererà tutte. Tu hai invecchiato l'occhio su ognuna delle tue porte, nel tuo rigido guardare lo sguardo non hai saputo spostare, è essenziale in una vita saper cambiare strada.
La vita di ogni uomo non è un rettilineo senza sorprese. Ogni uomo è creta morbida tra le mani del tempo, è in errore chi nel pensiero ha già cotto la sua forma, sia la tua vita duttile e plasmabile come la creta dal primo all'ultimo istante, è questo il segreto della felicità.
La vita di ogni uomo è come un bambù sulla riva del fiume battuto dai venti, sempre pronta a piegarsi al suo impetuoso soffio e a rialzarsi al suo cessare, sia la tua vita flessibile come quel bambù che dei venti asseconda l'onda.
La vita di ogni uomo è come quel fiume che continua ad avanzare, alla luce del sole, tra le profonde insenature della terra, come impavida cascata o come placido ruscello, sii tu come il corso di quel fiume che attraverso ogni via giunge al mare.
Tu eremita hai continuato a buttar giù porte, rallentando e appesantendo il tuo passo, non immagini quanto più lieve sarebbe stato l'inceder della tua esistenza, se avessi semplicemente cambiato percorso, laddove scorgevi porte.
L'eremita ora aveva compresa la lezione, prese sottobraccio la sua clessidra e cambiò strada, e da quel giorno non conobbe più porte.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Dilaila Bella il 19/11/2011 22:49
    scrivo anch'io favole e mi piacciono molto visto anche la mia giovane età, complimenti per la tua, molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0