accedi   |   crea nuovo account

L'amica

“Non l’avevi ancora capito? Strano! Eppure ho fatto di tutto per fartelo capire. ” I suoi occhi vispi e grandi erano puntati nei miei ( quanto li amavo quegli occhi!). Il sorriso appena accennato tra l’amarezza e una sorta di ironia pungente mi lasciava senza fiato. Feci finta ancora di non comprendere: “ Ma che c’entra la tua amica con la nostra storia? ”
“Non prendermi per il culo, non te lo permetto. Tu sai, solo che sei un vigliacco e non vuoi ammetterlo. Hai paura. ”
“Di cosa? Io voglio capire. Per una volta parla chiaro, ti prego”. Le mani iniziavano a tremarmi ma le nascosi nelle tasche, comunque gelate, del giubbotto invernale. I miei sospetti, quegli sguardi ambigui, i comportamenti oltremodo strani e apparentemente insignificanti. Tutto si stava rivelando nella sua brutale realtà.
“Ma dai! ” Si girò stizzita dall’altra parte della panchina di legno. Lo sguardo perso in un punto imprecisato del parco silenzioso e vuoto. Non c’era anima viva e una sorta di atmosfera desolata e plumbea attorniava le siepi incolte e gli alberi scheletrici.
Mi avvicinai a lei dolcemente stringendole una mano: “So che passi molto tempo con lei ma non è stato mai un problema. Te lo giuro! Volevi i tuoi spazi e te li ho dati. Anche quando uscivate il sabato sera io non fiatavo e me ne stavo a casa a guardare la partita. L’ho fatto per te. Perché ti amo! ”
Lei rispose con una smorfia di disprezzo girandosi di nuovo verso di me. Il cuore nel petto sembrava voler sfondare la gabbia toracica e con uno slancio violento volare via nel cielo, pesante di nuvole grigie. “ Io e la mia amica stiamo insieme. Non fare lo “gnorri”. Non recitare. Non ci casco. Ti odio quando fai così. Tu lo sapevi ma hai fatto finta di niente. Te ne sei fregato. Mi fai schifo. ”
Forse lo sapevo, forse no. In quel momento il tempo si era comunque fermato. Il parco era diventato una distesa di ghiaccio. Il mio aspetto pallido e smorto come quello di una statua inanimata, piegata nel dolore.
“Avevo dei sospetti. Quelli sì. Però mi sono fidato di te. Sapevo che non eri una persona cattiva e che mi volevi bene. Tu non mi faresti del male. Questo lo so. ”
Di rimando assunse un’ espressione dura, spietata: “ Mi fai vomitare. Il signorino per bene. Ipocrita! Ieri sera abbiamo scopato tutta la notte a casa sua. Tu dov’eri? A guardare un film in tv?
Come ti senti? Lo so io. Sei uno senza palle. ”
Il cuore nel petto si era fermato. Ora non voleva più uscire. Semplicemente aveva smesso di battere come stava finendo anche la mia storia. Cercai di dirle qualcosa di convincente. Non volevo perderla. Non in quel modo. Ne sarei morto di sicuro. Dovevo rimediare e farla di nuovo mia:“Lisa, amore mio, forse è un momento difficile e confuso per te ma insieme lo supereremo. Io ti starò vicino, sempre. Non ti lascerò mai sola. Vieni a stare da me. Vedrai saremo felici. ”
“Felici…ah! ” Iniziò a ridere come una matta rivolgendo la bocca spalancata al cielo. I capelli rossi dietro la nuca sembravano avere vita propria mentre si muovevano al ritmo delle risa sempre più rumorose e ossessive. I miei occhi invece iniziavano a inumidirsi. Oppure era la pioggia che cadendo leggera dal cielo, mi rigava il viso? Non avevo più la forza di capire niente. Tutto era ovattato e triste.

12

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • andrea Di Lazzaro il 28/01/2015 20:55
    Racconto dal vero? I buoni spesso vengono presi per idioti. I buoni sono buoni e basta. Però al momento opportuno bisogna farsi duri, giusti, severi. Altrimenti si presta il fianco ad infinite pugnalate.
  • Eduardo Vitolo il 06/03/2009 08:24
    Cara Maria
    Hai centrato in pieno le sensazioni di impotenza e sconforto che volevo raccontare tramite questo brevissimo racconto.
    Certo. L'Amore crea scenari sempre inediti e sempre forieri di sentimenti diversi e a volte opposti.
    La dipendenza dal nostro "oggetto" ( perchè a volta la persona amata diventa questo) amoroso mi ha sempre interessato creativamente e lo affronterò presto in altri lavori.
    Sei sempre attentissima e di gande sensibilità.
    Complimenti!!!!
    Un abbraccio
  • Maria Carla Boccacci il 28/02/2009 22:42
    Che sofferenza essere lasciati e non poter competere con il rivale. Giocare una partita non ad armi pari. L'Amore è strano, illude, inganna, sembra si diverta a prenderci in giro. Anche davanti all'evidenza non riusciamo a staccarci dall'oggetto del nostro desiderio. Amore non corrisposto, malattia gravissima.
  • Eduardo Vitolo il 14/12/2008 09:37
    Cara Sophie
    Il tuo giudizio è sempre generosissimo nei miei confronti.
    Ti ringrazio molto.
    Volevo costruire un'atmosfera di forte tensione e desolazione dei sentimenti. Spero di esserci riuscito.
    Spero darai un chance, un giorno di questi anche al mio modesto romanzo d'esordio.
    Buona Domenica
    A Presto
  • Eduardo Vitolo il 13/12/2008 19:36
    Ciao Arianna
    Grazie mille per il commento.
    Le tue parole mi dimostrano che hai capito la storia che ho scritto.
    Sono onorato.
    Devo solo smentirti su un punto: non è autobiografica!!!
    È pura fantasia!!!
    Mi sono immaginato un incontro desolato e triste con un finale molto duro per il protagonista.
    Per il resto ti ringrazio ancora per i complimenti.
    Li ho molto apprezzati.
    A Presto.
  • arianna di mauro il 13/12/2008 17:41
    Mi dispiace, è stata sicuramente una brutta storia. Si... che dico, è stata una brutta storia, ma non te la prendere, la vita va così. Certo che è una storia davvero strana, lei che ti lascia per la sua amica. Ma in che mondo viviamo oggi giorno? Sempre più strano, sempre più caotico, dove l'amore è precoce e funesto, dove non sai mai cosa ti aspetta un domani. Dimenticare è l'unico rimedio che c'è, prima che il dolore di uccida per sempre! Davvero una bella storia commovente e, anche un amore illusorio! ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0