username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tra le righe

Ha sempre amato scrivere, anche solo per il gusto di veder scorrere la penna su un foglio qualsiasi. Convinta di essere più brava con le parole scritte che a voce, ritiene che non siano mai state un surrogato né un sostituto: semplicemente la aiutano da sempre ad esprimersi meglio.
Scrivere è come togliere i vestiti dalla propria anima e mostrarsi nudi agli altri. Quando si scrive si ha tutto il tempo necessario per riflettere, si può andare avanti senza essere interrotti e non si corre il rischio di rimanere senza parole.
Ha scritto tanto per sé stessa, fino a quando un giorno si è fermata, bloccata in una stazione sconosciuta, in attesa di un treno che non riusciva a scorgere nemmeno in lontananza. A volte si spera che sia sufficiente scrivere quattro parole al vento per fare in modo che le cose assumano un colore diverso. Il mondo può essere di tinte color pastello o dipinto di colori vivaci. Scrivere è come raccontare al mondo quei colori, rifletterci sopra e poter rileggere tutto, un giorno.
Scrivere, per lei, vuol dire concedere a qualcuno di condividere la propria anima. Permettere a quelle parole scritte di dar voce al suo cuore e a volte anche a quello degli altri.
Quel treno è poi arrivato e lei ha ripreso a scrivere.

 

l'autore Mirka Naldi ha riportato queste note sull'opera

A gennaio 2010 l'ho riadattato per renderlo ufficialmente una mia breve biografia.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Mirka Naldi il 13/09/2009 23:24
    Grazie!!
  • Anonimo il 13/09/2009 22:18
    bellissima. ciao salva.
  • Mirka Naldi il 19/08/2009 13:03
    Grazie per i vostri commenti
  • Ivan Bui il 01/07/2009 21:45
    I bambini guardano un punto lontano.
    Le lucerne si spengono.
    Fanciulle cieche interrogano la luna,
    e si levano in aria spirali di pianto.
    Le montagne guardano un punto lontano.

    Mi hai ricordato Lorca...
  • Giancarlo Stancanelli il 21/06/2009 19:58
    L'importante non è arrivare, ma viaggiare.
  • Mirka Naldi il 19/06/2009 11:16
    Parto, poi mi fermo, poi riparto ancora..
  • Giancarlo Stancanelli il 19/06/2009 09:48
    E buon viaggio allora!!!
  • Mirka Naldi il 19/06/2009 00:30
    Bellissima riflessione, grazie Simone
  • Simone Fiume il 18/06/2009 23:37
    Spesso il mondo è grigio ed è in quei momenti che gli artisti e gli scrittori devono attingere dalla loro tavolozza e dare un tocco di colore a questo mondo ispirandosi a quello dei sogni...

    Scrivere ci rende immortali perchè una parte di noi, bella o brutta, rimarrà sempre nei nostri testi...
  • Mirka Naldi il 30/12/2008 15:30
    Grazie Andrea..
  • GozzaGugh il 30/12/2008 15:28
    Sono pienamente d'accordo con te. Non avrei saputo esprimermi meglio...
  • Mirka Naldi il 30/12/2008 14:19
    Ciao Rosa, e grazie per il commento.. buona giornata!
  • Rosa Costa il 30/12/2008 08:45
    ... è verissimo scrivere è il modo migliore e più gratificante per esprimere i nostri sentimenti... le parole spesso non riescono ad esprimere fino in fondo quello che siamo e quello che davvero proviamo, e non è codardia, non è viltà, lo facciamo per noi e per nessun altro... e poi è così bello!!!... è come se le emozioni prendessero vita, diventino reali, palpabili, e indistruttibili.
    Ciao e buona giornata
  • Mirka Naldi il 17/12/2008 22:56
    Grazie Donato, per quella bella dedica che mi hai fatto tu... un piccolo collage di qualche mio titolo, mi è piaciuta molto. Scrivere mi serve, mi aiuta a tirare fuori pietre che altrimenti resterebbero incastonate dentro di me, mentre io voglio tirarle fuori, studiarle, ammirarle, nel bene e nel male.. no che non smetterò di farlo, al massimo potrò prendermi qualche pausa, ma di treni, prima o poi, ne passerà sempre un altro... (sempre che la compagnia dei treni - non facciamo nomi - non faccia la fine di quella aerea - e anche qui non facciamo nomi)
  • Donato Delfin8 il 17/12/2008 18:39
    WOW pensavo si trattasse di qualcosa di bibblico ma e' molto di piu'!
    È la promessa che ci donerai tante emozioni e sincerita' che sfornerai dalla tua bella "testaccia" e saranno tutte "Bellissime.." come intendi tu! Magari io ci piazzo qualche 3 cosi ti abbasso la media tie' hihihihi Caspitrina non posso distrarmi un secondo che subito mi sforni "4 fermate". Mi raccomando questo treno si fermera' solo se lo vorrai tu. Ed ad ogni fermata lasciaci un tuo pensiero.. ma non scendere finche' non troverai la destinazione giusta! i viaggiatori li troverai come descrivi tu..
    secondo me farei tu "il controllore!... Biglietti prego!" hihihihi
    "Forza e coraggio" l'"Autunno" e passato.. e "Una fiamma nel buio" della "Stazione centrale" illuminera' più della "Luna" quell' "Eterno attimo" di "Venezia" o sul"L'altalena" "A te" tanto caro. E ritroverai la serenita' e la forza per trovare "Le parole non dette" dal tuo cuore come "Quando tutto ebbe inizio" forse all'"Isola del Giglio" Questa per ringraziarti della dedica che ci hai donato Grazie a presto
  • Mirka Naldi il 17/12/2008 13:50
    Le sfumature esistono eccome, non smettere di crederlo mai, Aurora! Certo che continuerò a farlo, per me in primis..
    Ivan, grazie!
  • ivan renella il 17/12/2008 12:13
    È un'atmosfera che ci coinvolge tutti, una dedica e Te e a Noi!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0