PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poker

Non è importante essere felici,
non ce lo ha mai promesso nessuno,
fondamentalmente
chi vuole essere felice nella sua vita
è una persona egoista e povera.
(Carlo Mazzoni)



Milanese. E scrittore. Un'abbinata che fa a pugni con la mia psichedelica personalità.

Egoista, egocentrico, presuntuoso. Tris.

Arrogante, permaloso, sfacciato, diretto. Full.

Giocare una partita, senza esclusione di colpi con mister Milano bene.


- Tira fuori le tue carte migliori, Candy Candy -.

Lascio cadere, scocciata, la provocazione. Quanto adoro il fatto che lui goda, sottilmente, a vedermi contrariata, a lasciarmi semplicemente senza una risposta pronta di botto. Perché l'ultima battuta, il colpo assestato ad hoc, lo deve avere lui.

Per stavolta, mi lascio avvolgere dall'aroma di un tè al miele e vaniglia, e non penso troppo a quel Candy Candy che mi ha appioppato addosso. Dispregiativamente parlando, chiaro. Lui sorride, sorride pacifico, nel suo essere mille e ancora mille più volte bastardo. Bastardo senza via di scampo, ma un bastardo che a questa finta, o presunta Candy, piace. Piace guardarlo mentre poggia le labbra sulla tazza nera fumante, piace scrutarlo dalla piega assurda dei capelli che non stanno fermi, ma che non sono biondi, piace rimanerci senza parole, senza silenzi, solo sospiri.

- Io non so giocare a carte -.

Butto lì schifata la mia perla di saggezza. Quando mai, a questo mondo, non si sanno tenere in mano due benedette carte da gioco. Candy ha le unghie lunghe, brillantate all'estremo, ha paura si striscino, anche poco. Ha paura a tenere in mano queste terribili carte. Ha paura di non sapersi ben giocare il tris e il full che inchioderebbero, senza diritto di replica, mister Milano bene.

- Sai fare tantissime cose. Le vuoi fare -.

A che gioco stiamo giocando? È una partita a carte questa, oppure ci stiamo giocando qualcosa di molto, molto più prezioso? Finta Candy si arriccia un capello stirato male, vera Candy fulmina con lo sguardo l'avversario. O il contrario.

12

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/04/2014 04:12
    Apprezzato... compliemnti.

4 commenti:

  • Uglisse il 28/09/2010 17:57
    Che storia particolare... dovrò rileggerla!!
  • Anonimo il 29/11/2009 01:13
    qualcosa di diverso.. più racconto breve che altro
  • Vincenzo Capitanucci il 24/07/2009 16:23
    Piaciuto MOLTO.. Alice... dargli zuccherini... per farlo capitolare... Regina, Maestra, amante di Cuori...

    Quanto a Carlo direi... non è importante essere felici... ma la gioia è l'essenza della vita
  • Donato Delfin8 il 27/12/2008 12:37
    Interessante stile e grafica. Riflessioni scorrevoli.
    Benvenuta spero ti troverai bene con tutti noi.
    Grazie a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0