username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Voglio morire..

"Voglio morire", così ripeteva e lentamente si accasciava su quell’odiato e scomodissimo divano che gli faceva da letto da quando sua moglie lo aveva lasciato, con lo sguardo fisso nel vuoto …si sentiva solo, troppo solo per parlare e lottare ancora, quindi prese una penna e cominciò a scrivere.. cumuli di frasi al vento gli parean le strofe e incerte le dita non riuscivano a seguire le righe del foglio;”un'altra prigione in cui le mie emozioni sarebbero state rinchiuse” pensava….
Allora arrabbiato si alzò e decise di prendere da un cassetto una vecchia foto, con un soffio debole, quasi un sospiro, tolse la polvere che la ricopriva e ricordò di quando in marina gli avevano detto che, per quanto lo amasse, non era fatto per il mare, era un uomo di mondo lui e nel mondo doveva vivere ed inseguire i suoi sogni;lo aveva fatto, ma troppo spesso questi gli erano sembrati tanto lontani che anche con un binocolo non riusciva a vederli chiaramente tanto da farli suoi, o almeno provare a realizzarli correndogli dietro... la persona che amava, la più bella tra le stelle, si era rivelata una delusione completa dalla quale non si era ancora ripreso.. ma forse non voleva farlo poi più di tanto.. aveva perso ormai la fiducia per il mondo e camminare da solo, senza potersi appoggiare a nessuno, non avrebbe avuto più senso..
Nel posare l’istantanea si guardò le mani, le stesse con cui aveva toccato tutto quello che prima era oro, ma come la leggenda di Re Mida insegna, chiedere che tutto splenda di un aurea luce non è possibile.. per quanto dai importanza ad una cosa, ad una persona devi prima valutare se essa sarà in grado di renderti davvero ricco.. ricco dell’unica cosa che davvero conta.. la felicità .
"Voglio morire" così borbottò prima di addormentarsi e alti i suoi occhi alla luna scrutavano nel tiepido candore della sera il senso di giornate così inutili oramai stanco dell’insostenibile monotonia della sua esistenza spezzata soltanto dalle sempre diverse voci dei suoi orologi.. la sua passione.. la sua salvezza… Qualche giorno dopo mentre ne stava comprando un altro, forse l’ultimo, incontrò una giovane donna anche lei spaventata dalla luce troppo forte del sole che spesso riscalda ma d’inverno non da alcuna certezza e subito se ne innamorò alla follia..
Ne passarono di istanti, scanditi questa volta non da un freddo quadrante ma da una sequenza di emozioni che si susseguivano e che lo hanno portato a superare ogni suo limite ad ogni singola occasione, nel disperato tentativo di riconquistare quello che gli era stato rubato.. nel disperato tentativo di tornare ad amare se stesso conquistando quell’incantevole creatura..
Dopo 2 lunghe settimane affrontate con l’aria chi non ha più paura del rifiuto altrui, ”se pensi di non aver niente da perdere, hai solo da guadagnare” canticchiava mentre si guardava di nuovo orgoglioso allo specchio, ci riuscì e tornato a casa una sera con lei in braccio, come novelli sposini alla prima notte di nozze, capì il vero significato delle parole che aveva scritto poco tempo prima.. tutto era diventato chiaro, quei versi erano poesia, quella fotografia chiusa in un cassetto uno splendido ricordo da conservare, quei giorni noiosi che aveva trascorso non altro che amata routine…. poi il silenzio, un bacio.. la donna che amava, e che non l’avrebbe mai più lasciato solo, lentamente si accasciava con lui su quel fantastico e comodissimo divano, solo un bisbiglio nella notte…"voglio morire".

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 17/06/2009 01:42
    un racconto che ti prende e ti cattura fino alla fine bravo
  • Marcello Affuso il 27/03/2009 23:16
    la ringrazio
  • Marika Rig il 27/03/2009 22:50
    bella...
  • Anonimo il 26/01/2009 22:44
    Bella... come una favola...
  • SILVIA TRABANELLI il 18/01/2009 16:52
    bello il racconto... Va rivista la punteggiatura... Non c'è respiro...
  • cristina gafton il 17/01/2009 20:14
    bello il racconto...!!
  • Anonimo il 13/01/2009 16:17
    Interessante. Scritto bene. Impaginatura a parte, alla quale non darei peso ora.
    Ciao
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 11/01/2009 20:14
    Bè il racconto e molto carino e devo dire abbastanza scorrevole. L'unica cosa e che dovresti andare più spesso a capo (quasi a dare respiro), ma per il resto nulla da ridire. bravo
  • Marcello Affuso il 08/01/2009 22:50
    ho fatto un copia e incolla dal mio blog perciò è venuto così! La prossima volta controllo meglio..
  • Donato Delfin8 il 08/01/2009 19:29
    Interessante! dovresti spezzettarlo un po'
    intanto ti do il benvenuto spero ti troverai bene qui con tutti noi.
    grazie a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0