username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non ritorno

Mi sono chiesto spesso quale sia il punto di rottura di una persona normale. Quando, arrivati ad un certo limite di sopportazione, senti come un “crack”, qualcosa che ti si rompe dentro e, come succede quando si rompe una diga, fuoriescono le tue emozioni tutte insieme, senza che tu riesca a controllarle. Rabbia, dolore, angoscia, frustrazione, disperazione ed ecco che poi anche l’individuo più tranquillo di questo mondo diventa un pericolo pubblico. Anzi. Sono proprio le persone più sensibili a diventare le più pericolose. La sensibilità è un’arma a doppio taglio: finché sei piccolo non fanno altro che lodarti e prenderti come esempio. Ma, mano a mano che cresci, ecco che la tua sensibilità diventa un peso, una zavorra per chi ti circonda. Nella vita non sopravvivono i coniglietti dal pelo morbido, ma le faine che si avventano su di essi. Per andare avanti bisogna avere il pelo sullo stomaco e, ironia della sorte, non sono i più intelligenti ad avere la meglio, ma quelli che sanno ingoiare il letame che viene propinato loro ogni giorno senza farsi venire un’ulcera. Non vi sembra divertente? Anzi, spassoso! Passi una vita intera cercando di comportarti onestamente, facendo il tuo dovere, per alzarti la mattina e poterti guardare allo specchio e poi arriva quel momento. Ed è allora che senti il crack; avverti il rumore, sordo e improvviso ed è come se la tua anima fosse una scultura di vetro colpita con una spranga di ferro che cade in mille pezzi. A quel punto ci sono due alternative: annegare o reagire. Ed io ho reagito.

Ho 58 anni e ho passato gran parte della mia esistenza a soddisfare le aspettative degli altri; quelle di mia madre che mi voleva ingegnere; quelle di mia moglie, ossessiva e bisognosa di attenzioni in maniera morbosa; e quelle di mia figlia, troppo presa dai suoi problemi esistenziali per accorgersi che stavo cadendo a pezzi. Ogni mattina mi alzo e vado al lavoro. Sono insegnante in un istituto tecnico, al cui confronto certi quartieri del Bronx sono posti tranquilli, dove le famiglie potrebbero andare in gita la domenica. Parlo, parlo, parlo e nessuno mi ascolta, risate, parolacce, bestemmie, totale indifferenza. Per loro non sono niente, non valgo niente. Spesso è come se li guardassi attraverso un vetro: vedo muoversi le loro bocche, le facce, le smorfie, ma è come se fossimo separati da una parete invisibile. Io da una parte e loro dall’altra. In mezzo il vuoto pneumatico. È come se parlassimo lingue diverse, all’inizio cercavo di aiutarli, ero pieno di ideali, di sogni e di speranze. Poi piano piano tutto si è spento. La luce che era accesa in me si è affievolita fino a scomparire del tutto.
Mentre sto qui a pensare mi ripulisco una mano sulla gamba; credo che mia moglie non farà storie questa volta per essermi sporcato i pantaloni, forse la situazione è più grave di quel che sembra. Non volevo fare del male a nessuno, solo non ne potevo più, tutto qua. Volevo indietro la mia dignità di essere umano, volevo solo che mi ascoltassero per una volta. Che mi dessero retta. Sento la testa che mi scoppia, troppi pensieri, vorrei un’aspirina e un bicchier d’acqua, ma non posso uscire, sono chiuso in quest’aula a chiave e non posso uscire. Aspetto.

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Marcello Insinna il 07/08/2011 18:57
    brava, mi piace il tuo stile: moderno, scorrevole, analitico!
  • Anonimo il 15/02/2011 23:35
    Racconto scritto molto bene, mi è piaciuto
    Suz
  • Anonimo il 21/01/2011 22:29
    Scrivi un libro e fallo pubblicare : sei molto brava!
  • afryka *°*° il 13/11/2009 14:38
    coinvolgente, mi ha tenuto incollata a leggere!!
    amaro ma realistico. è la follia omicida di chi non ce la fa più!
  • Umberto Briacco il 20/09/2009 20:19
    Ben scritto, gran ritmo che ti incolla alla storia.
  • Ivan Bui il 23/08/2009 22:57
    Scritto benissimo, non ha mai "cedimenti" ... brava.
  • Ivan Bui il 19/08/2009 16:18
    Scritto benissimo, senza pause (e l'argomento non aiuta), giuso mix. Finale all'altezza. Brava.
  • Anonimo il 27/06/2009 13:59
    Bello, anche se una triste verità.
  • Fabrizio Carollo il 01/06/2009 20:43
    Bello! Il finale mi ha molto colpito. Brava!!!
  • Anonimo il 31/05/2009 09:53
    INCREDIBILE, racconto realissimo, mi ha shockato...!
  • nemo numan il 23/05/2009 05:47
    bellissimo
  • antonio castaldo il 03/04/2009 16:46
    in un attimo di follia... veramente tanto senza ripetere nessuno. brava.
    kiss
  • Anonimo il 16/03/2009 10:46
    Grazie Francesca di esistere e dunque di scrivere,
    troppi parlano di amore e del giorno pieno di sole,
    ma pochissimi di giornate nere e di mondi dolorosi, ma vivi.
    Tu lo fai con ineguagliabile stile.
    Grazie grande conterranea.
  • Anonimo il 21/02/2009 09:11
    Bellissimo, intrigante, ben scritto. Brava
  • Fabrizio Carollo il 11/02/2009 18:55
    Molto coinvolgente ed estremamente scorrevole nel suo svolgimento. Mi sono sempre piaciuti molto i racconti della psiche... questo mondo misterioso. Brava!!
  • Sandrino Aquilani il 11/02/2009 11:19
    Notevole. Complimenti
  • Marcelllo Barbuscio il 26/01/2009 18:30
    Un buco nello stomaco, per una realtà che purtroppo spesso si materializza in modo angosciante e la cosa più terribile è che sia arriva a tanto senza che nessuno se ne accorga. Bravissima
  • Filippo Fronza il 16/01/2009 12:39
    Brava Francesca! Il racconto, oltre ad essere scritto con il consueto stile lineare scorrevole asciutto e coinvolgente, descrive efficacemente una realtà amara ma innegabile: la fragilità della psiche umana, che può spezzarsi da un momento all'altro quando è esposta al peso delle miserie che la vita ci riserva...
  • Anonimo il 14/01/2009 01:52
    Il protagonista del racconto viene indagato psicologicamente in modo capillare, nella sua follia lucida e frustrata. La narrazione molto coinvolgente e senza alcuna sbavatura, sembra ispirata da uno dei tristi episodi di cronaca dei nostri tempi. Questo testimonia la notevole capacità dell'autrice di ascoltare e interpretare la realtà.
    Non dò voti, ma questo racconto merita il massimo che si possa esprimere con un commento.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0