accedi   |   crea nuovo account

Ivan

La sorda vibrazione del cellulare squote Ivan dal torpore in cui è caduto. Accasciato sul sedile della metro, per qualche istante fatica a mettere a fuoco il suo involontario compagno di viaggio, tutto preso a ritmare con il capo la musica del suo walkman.
Con gesto deciso tira fuori dalla tasca interna quello stupido arnese. “Numero privato! Chi diavolo sarà costui e soprattutto perché proprio a quest'ora è venuto a scocciarmi!... Mah! ”
Ormai è quasi arrivato ed è inutile cercare di riannodare il filo che si è interrotto. Nella lunga ora che è costretto a trascorrere nel vagone che lo trascina avanti e indietro tra casa ed ufficio, Ivan si concede il lusso di mettere in folle i suoi sensi e lascia vagare la mente tra i meandri del suo subconscio. Ogni tanto è proprio così che riesce a trarre le idee migliori per scrivere qualche storia, ma oggi non è uno di quei giorni.
La voce metallica del capotreno virtuale annuncia con la sua solita enfasi l'approssimarsi della fermata.
Ivan si alza lentamente dal sedile, alza la mano e si aggrappa al sostegno vicino all'uscita.
La coda dell'occhio coglie al volo l'attimo in cui quella donna dai lunghi capelli ripone le sue cuffiette nella borsa a fa per alzarsi, ma uno spintone lo incita verso la porta appena aperta.
Esce automaticamente. Si volta, ma non vede più quella donna. “Chissà, forse scenderà alla fermata successiva... ” Le porte si richiudono davanti a lui con un sospiro sordo e il treno riparte. “Mah! Chissà poi perché l'avrò notata... ”
Automaticamente il polso si allunga scoprendo la manica e l'orologio. Senza guardarlo si affretta lungo le scale, mentre nella sua mente comincia a suonare una vecchia canzone degli Stadio.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • gianni castagneri il 12/02/2014 18:41
    carina questa "microstoria" che racconta bene un pezzo di normale vita di tutti i giorni!
  • Marcello Piquè il 27/08/2013 11:21
    forse questo gli succedeva tutti i giorni e non si è preoccupato di vedere dove la donna sia andata. peccato
  • Anonimo il 10/04/2010 22:32
    mha.. una storia molto blanda. Un tratto di vita scritto bene per carit, ma senza un fine se non quello di descrivere un po di noia.
  • Anonimo il 23/10/2009 19:03
    Complimenti! Molto realistica.
    Attendiamo il seguito...
  • Anonimo il 14/07/2009 09:01
    L'idea di scrivere corte storie di vita in movimento, che sembrano strappi di anime vive è originale e interessante e andrebbe perseguita con furore, perché in quei micro mondi ci sta di tutto. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0