accedi   |   crea nuovo account

27 gennaio, non dimentichiamo mai

No, non dimentico... come potrei! Mi chiamo Marcus, 16 anni, corpo tozzo, sguardo volpino; mi han preso la', nel ghetto di Varsavia, penso due giorni fa, insieme ai miei genitori, mia sorella.
Non so dove sono loro, forse li han caricati su un altro vagone, non so... Su questo treno, ammassato con altri mille, scruto da una fessura bianca... Ho visto campi verdi, immensi, non finivano mai... colline rivestite di neve purpurea, fresche come gelati... ed ora, stretti come sardine, con questo puzzo immondo, con i lamenti dei vecchi sul collo, i pianti dei bimbi sul petto, mi chiedo dove ci porteranno, dove siamo diretti e, soprattutto, perché non ci dan da bere?
Che cosa gli costa fermarsi un attimo, darci un secchio d'acqua, un po' di pane, anche ammuffito, rinsecchito.
Niente.
E me ne sto qui, tenuto in piedi per forza perché non c'è spazio per sedersi, qui... a pensare a quello che ho lasciato sul tavolo, a casa. Il mio disegno stinto, i miei pastelli, i miei libri, quaderni: li schierati, ad aspettarmi, a chiedersi dove sono quelle mani che tanto delicatamente li effigievano... Cos'è sto sbalzo? Che stridio di freni... Si, siam arrivati, il treno è fermo. Schianto improvviso. Qualcuno, con voce dura, apre lo sportello. La luce per un attimo m'acceca... Ci intimano di scendere, lo faccio.. lo facciamo. Ci dividono in due file, i più giovani a destra, anziani a sinistra, È tutto innevato, ho freddo, le gambe sono inutili. Cerco con lo sguardo i miei... non li vedo... ma dove saranno? C'incamminiamo, stravolti. A suon di spinte e manate giungiamo davanti ad un capannone enorme, grigio. Dobbiamo dividerci in squadre, accatastare i nostri indumenti, le nostre cose, e spogliarci. Ma come! Qui, davanti agli altri, ma come faccio.. ho vergogna.. umiliazione più feroce non c'è.
Un soldataccio, con fare mellifluo, ci spiega che dobbiamo lavarci, che prima di entrare nelle camerate dei campi lavoro dobbiam esser puliti. DIO MIO! una doccia calda! Quanto ho sognato questo. Vinco la naturale resistenza... mi spoglio. E li', in mezzo a quei corpi decrepiti, smunti, lividi, mi rendo conto di quanto sia umiliante e di quanto possa esser crudele l'uomo, mio simile... tra risa e sghignazzi grassi, ci conducono nel reparto docce, a gruppi di trenta.
Eccomi difronte alla porta legnata. Un tepore invitante fuoriesce dalle fessure... un caronte biondastro ci fa entrare... entro... un enorme salone piastrellato si pone davanti ai miei occhi. Bocchettoni forati penzolavano dal soffitto. Spintonando mi paro sotto uno di questi; chiudo gli occhi, pregustando il momento vitale in cui lo scroscio caldo possederà la mia pelle.. istanti interminabili.. Hey, ma cos'è? Solo un caldo vapore esce.. e questo odore dolciastro cos'è? Ma l'acqua?.. mi gira la testa, il signore calvo di fianco a me s'accascia
La testa mi gira, anzi, tutto gira intorno a me... ho voglia di dormire, i sensi m'abbandonano... l'immagine sorridente, tremante di mia madre, poi... poi... più niente... nero... buio.
ENTRAI CARNE, USCII CHE ERO FUMO.
ora nel vento sto... volteggio libero, ora.
Si...
No, non dimentico, e come potrei?
NON FATELO ANCHE VOI. MAI!

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 06/06/2013 20:19
    Una pagina che non sarà mai dimenticata, la crudele aberrazione di un pazzo che ha sconvolto l'umanità intera.
  • Marcello Insinna il 24/01/2012 14:48
    Scritto in maniera scorrevole, riesce a dare l'idea della situazione, delle umiliazioni e della fine di milioni di persone. Purtroppo i campi di concentramento oltre ad essere luoghi di morte, furono testimoni di orrori indicibili, torture ed esperimenti pseudo scientifici che facevano apparire la morte come una "liberazione"!
  • Riccardo Brumana il 25/02/2009 18:19
    normalmente i racconti li evito perchè li trovo noiosi... ma il tuo è scritto molto bene, gli avvenimenti si sussegguono in modo veloce ma non da perderne l'atmosfera, poche le descrizioni ma messe nei punti giusti, insomma, lo stile mi è piaciuto molto.
    per il contesto... è storia... di quella che non si dimentica.
    cmplimenti.
  • max22 - il 09/02/2009 21:10
    ti ringrazio Ivana, e ringrazio anche te Marile'
    Max
  • Anonimo il 30/01/2009 21:16
    bella e terribile, Max, son contenta che l'hai condensata in un unica pagina.
  • Anonimo il 28/01/2009 12:43
    bravo max... mai dimenticare... non si puo dimenticare.. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0