accedi   |   crea nuovo account

L'angelo mandato da Dio

L'angelo sbatacchiò le ampie ali fecendole diventare piccole piccole. Poi dalla borsa estrasse una maglietta, se la infilò e uscì dal vicolo cieco; girò l'angolo dell'edificio ed entrò nella casa. Salì quattro pianerottoli - non amava gli ascensori - e bussò alla porta numero 666.
"(Bestemmia), chi è?" gridò il diavolo.
"Sono Gabriele."
"E chi ti conosce! smamma!"
"Sono stato mandato da Dio. Apri, maledizione."
"Lasciami in pace, pennuto!"
L'angelo sospirò. Si guardò in giro, poi attraversò la porta.
"Che tu lo voglia o no dovrai ascoltarmi," disse l'angelo.
Il diavolo era sdraiato mollemente sui cuscini del divano e aveva i piedi dentro una bacinella d'acqua fumante.
"Se non altro poteva venire Giovanna d'Arco, no?"
"Dio chiede che tu gli sbrighi un'ultima faccenda."
"Ma se sono secoli che non fa altro."
"Questa volta manterrà la sua parola. È l'ultimo tuo lavoro."
"Stronzate! adesso sparisci. Dovevo immaginarmelo che si trattava della solita solfa. E poi sono ammalato. Sono pieno di catarro," tirò su col naso, si schiarì la laringe e sputò nella bacinella, "appena muovo la testa mi sembra di impazzire."
"Senti," insistette l'angelo, "hai mai sentito parlare della bomba atomica?"
"Che cazzo vuole ancora?"
"Una cosa facile. Devi farla brillare sopra Manhattan."
"Qui ci abito io. Perché proprio Manhattan, dannazione."
"Ha perso ai dadi."
"Cristo, chi?"
"Dio."
"Non ha mai saputo lanciarli i dadi! Contro chi ci si è messo questa volta?"
"Contro il tuo capo, Lucifero."
"Quel pappa molle."
"Per favore non di fronte a me!"
"Lucifero, intendo."
"Bene."
"Però, Dio che perde ai dadi contro Lucifero..."
"Ormai è andata così. Non pensarci su. Devi fare saltare Manhattan."
"Prendo ordini solo da Lucifero. Falla saltare tu Manhattan se ci tieni tanto."
"Sai che noi angeli non possiamo fare cose del genere."
"Cazzi vostri."
"Vuoi che vada a riferirlo a Lucifero?"
"Mi hai capito bene. Prendo ordini solo da lui."
"S'incazzerà."

1234

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Venere Storpia il 19/12/2011 01:31
    La caratterizzazione caricaturale dei personaggi è molto ben fatta, originale e mai volgare. Molto divertente! Bravo!
  • Anonimo il 28/01/2009 20:15
    io... ce la lascerei, invece... rende subito bene... l'idea...

    bravo! come sempre!
  • Alberto Veronese il 28/01/2009 17:53
    grazie per il commento e l’aiuto Luca. forse proprio non ci stava… ciaociao alberto.
  • Anonimo il 28/01/2009 16:49
    Originale, ben scritto, non trovo solo appropriata ala bestemmia all'inizio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0