PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Oh Brazil (parte seconda: Recife)

Eravamo finalmente giunti nel Nord-Est brasiliano. Scendemmo dal taxi e con i nostri zaini a tracolla ci dirigemmo verso l'hotel. Una marea di gente che andava e veniva. Arrivammo finalmente all'hotel, il tempo di prendere un'altra doccia, eravamo a 34° di temperatura, cambiarci, un bermuda e una maglietta, e via. Andammo un po' allo sbaraglio, senza sapere dove. Mamma mia che ragazze splendide in abiti succinti. Minigonne mozzafiato, un top e vai. Notai che la maggioranza della popolazione era di colore mulatto. Ovunque suono di musica, tanta confusione, tanta birra, in ogni piazzetta un palco con un'orchestrina. Da impazzire veramente... Migliaia di persone in giro dappertutto. Io e Maurizio iniziammo a sorridere a tutti e tutti ricambiavano. Una sensazione unica, da vivere.
Giunti in una piazzetta stracolma di gente, con diversi bar, tavoli e sedie totalmente occupati, un'orchestra che suonava un ritmo particolare: frevo, ci dissero dopo, che si balla con rapidi movimenti delle gambe e dei piedi, più veloce del classico samba, sorrisi ad una ragazza e lei si avvinò: dopo qualche minuto le presentai anche Maurizio. Lei chiamò una sua amica e ci presentò. La prima si chiama Valeria e la seconda Solange. Iniziammo a tentare di parlare, tra gesti, qualche parola già appresa, birra, qualche accenno di passo di ballo. Allegria e follia: Solange era bellissima e Valeria stupenda. Ci volle poco a farsi prendere dalla loro spontaneità. Solange mi disse, ad un certo punto, che aveva avuto una vita difficile, una storia alle spalle con un uomo che non la meritava, di essersi separata da lui da qualche anno, nonostante non si fossero mai sposati e che le aveva lasciato tre figli. Tutto questo per non nascondermi niente da subito; io le risposi che avevo avuto le mie storie nella ma vita ma di non essermi mai sposato: li per li non ci credé molto. Tra un accenno di ballo e l'altro, qualche birra di troppo e la loro cordialità, ad un tratto ci ritrovammo tutti e quattro baciandoci teneramente. Era quasi l'alba quando finimmo in albergo e la cosa non fu totalmente facile. Solange non voleva che io pensassi che era una ragazza facile, io non volevo che lei pensasse che ero li solo per fare del sesso (in fondo non parlavamo la stessa lingua e il rischio di fraintendimenti era enorme). Tra un imbarazzo e l'altro la notte passò abbracciati l'uno all'altra.
Il giorno dopo le ragazze ci accudirono come dei bambini, una tenerezza incredibile; penso che fu quello il momento in cui mi innamorai di Solange: la sua spontaneità, la bellezza, la cura che si prese della mia persona, l'allegria che sprigionava, qualche tenero bacio, un insieme che mi stese letteralmente. Finalmente ci dissero che sarebbero andate a casa a cambiarsi per incontrarci dopo qualche ora. E così fu. Sono state delle guide meravigliose oltre l'amore che si sprigionò tra noi.
Andammo finalmente ad Olinda e la cittadina è meravigliosa: un insieme di vicoli dalle costruzioni tutte piccole e coloratissime, un'atmosfera veramente coloniale, popolazione quasi totalmente nera. Piccoli negozietti di artigianato locale, bar improponibili su due tre pianerottoli, una sensazione di passato misto a presente. Anche li, musica dappertutto, soprattutto reggae. Il carnevale qui è qualcosa di indescrivibile: si saltella al ritmo di samba reggae dietro ad un carro di un trio elettrico per poi passare ad un altro. Il trio elettrico è un enorme carro con sopra un palco dove c’è una band che suona, tutt’intorno con un impianto musicale a palla, dietro al quale saltellano orde di gente, mascherata e no, cantando e bevendo birra a fiumi. È veramente una gran follia.

12

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/05/2012 12:36
    ... scrittura
    ineccepibile, grande
    soprattutto
    nelle righe finali,
    complimenti.

4 commenti:

  • Anonimo il 04/06/2009 16:38
    L'euforia del Carnevale, l'amore per questa donna bellissima, le sensazioni provate... tutto descritto con maestria ed eleganza senza mai sfociare nel prolisso o enfatico... Complimenti
    Emy...
  • Maria Lupo il 15/02/2009 01:50
    Anche mio nipote è stato a Recife, per un master. Ovviamente non mi ha parlato molto di ragazze nè di bagni di folla e danze ma l'atmosfera era quella... Una bella descrizione.
  • Claudio Amicucci il 07/02/2009 22:58
    Tempo al tempo! Ho viaggiato moltissimo! Ciao Claudio
  • Donato Delfin8 il 07/02/2009 15:49
    Non è finita vero?
    Capisco anche la mancanza di parole per "volare"
    Il racconto della splendida Rio, ankio ho avuto quelle sensazioni. Ero già abituato a polizziotti che pistola alla mano agiscono tra la gente! Meravigliose le donne certo ma ti assicuro che è bella la Donna
    Il carnevale poi in brasile che in realtà "non finisce mai" per la loro cultura e stile di vita, è veramente indescrivibile e da vivere.
    aspetto la conclusione della storia d'amore vero ke continuera? dai
    grazie a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0