PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La stima del Re

LA STIMA DEL RE

La chiamata gli giunse sul telefonino verso le sei del pomeriggio. Lo lasciò suonare un po' per ascoltare la nuova suoneria, "Imagine", poi dopo venti secondi rispose. Anche perché sul display c'era il nome di Brunone, il capo.

"Antonio, non prendere impegni per domani. Devi fare un viaggio in mattinata."

"Chi è, uomo o donna?"

"Uomo, uomo" rispose ridacchiando Brunone "Un viaggio breve ma ben pagato, come al solito"

"Da Roma a...?"

"Oddio, Rieti o Viterbo. Adesso non ricordo. Ci vediamo qui alle otto"

"Ok ciao"

Ripose il telefonino sul tappeto e rimise il film in play. Aveva lasciato Hannibal legato come un salame e in balia dei suoi rapitori e voleva proprio vedere come ne sarebbe uscito. Tutto questo due minuti prima di addormentarsi. Cazzo, quel "marocco" era proprio buono...

Quando il telefonino risquillò vide il nome di Franz, il bassista del gruppo. Era un trentenne alto e magro dai modi gentili.

“Pronto? Ciao Franz... ”

“Che fine hai fatto? Sono al bar che ti aspetto, stasera ci sono le prove. ”

Già, le prove. Porca puttana, aveva dormito più di tre ore.

“Arrivo, intanto fammi preparare un toast e una birra da Sammy”

Si alzò, strizzò l'occhio a Bruce che, incollato alla parete, cantava schiena contro schiena con Clarence Clemons, prese la vecchia Fender e uscì.

Il bar era a due passi da casa sua, era un bar frequentato da finta bella gente, quelli che cambiano macchina appena hanno il portacenere pieno e ragazze che alle quattro di mattina ti sembrano tutte Britney Spears, specialmente se hai bevuto abbastanza. Antonio lo frequentava solo quando ci lavorava Sammy, un suo compagno di scuola e di bravate notturne. Arrivò, salutò Franz, divorò il toast, ingollò la birra, non pagò (che amico Sammy...) e salì in macchina con Franz, destinazione sala prove. Oddio, chiamarla sala prove era esagerato. C'era posto a malapena per una batteria e due amplificatori, ma almeno era gratis. Era la cantina di Cico, il batterista. Cico era un pazzo scatenato che cominciò a suonare la batteria quando scoprì che tutti i più bravi batteristi sono dei pazzi scatenati. Quando entrarono lo trovarono col missile pronto per essere lanciato, come ogni volta che suonavano. Ma per loro era la musica la vera droga. Suonavano insieme da tanti anni, dai tempi della scuola, e ormai avevano un affiatamento che rasentava la perfezione.

123456789101112131415161718192021

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • giuseppe montiroli il 21/03/2009 23:08
    1) non è che lo ripeti, lo stai dicendo solo adesso.
    2) leggi meglio quello che scrivo. Non ho fatto "illazioni" sul pedinamento, ma sul sulla frase "te l'ho portata io". E chi sei, Babbo Natale? Riguardo il "promo" trovo supponente commentare un racconto di qualcuno citando il proprio. Riguardo il commento a Sophie ti ragguaglio su un fatto. Per qualche motivo a me sconosciuto un paio di commenti non mi sono stati postati ed anche quello a lei non me lo mostra. Non so il perchè ma è così.
    P. S. lasciarti perdere? Rileggi il tuo primo commento, scendi dal trono e falla finita.
  • Anonimo il 21/03/2009 20:36
    Per la prima volta mi dici che non sei un esperto di pc. dunque vedo di aiutarti spiegandoti in modo più dettagliato, poi lasciami perdere per favore.
    1) Ripeto: se vai in Google (è un motore di ricerca) e digiti "scrivere nel web" rilevi decine di indirizzi dove danno le informaz. più disparate al riguardo. Con un po' di pazienza troverai anche notizie sui "tagli" appropriati cui riferivo. Puoi ben immaginare che non sono in grado di darti questi indirizzi a memoria.
    2) Dicendo che Sophie "mi pedina" ho inteso un certo comportamento che si attua in questi siti e che la stessa mia amica ha ammesso col suo scherzoso "mea culpa", per cui le tue illazioni al riguardo restano tali.
    Non sai più cosa inventarti per denigrarmi... persino la "promo"... come se ne avessi bisogno! La "promo" la sto facendo a te e hai già visto qualche frutto.
    C'è pure un dato positivo per te. Da quando ti sei iscritto, oggi hai fatto il tuo primo commento favorevole, sia pure quale semplice baratto con Sophie... ma è sempre meglio che il nulla di prima.
    Infine ti dò una bella notizia: annullo le notifice per questa tua opera. Significa che non vedrò più le tue eventuali repliche e la chiudiamo qui. Auguri.
  • giuseppe montiroli il 21/03/2009 18:19
    Intanto ringrazio Sophie per le belle parole, fanno sempre piacere.
    Ora veniamo alla "dolenti note". Caro Fulvio, in forma privata ti ho chiesto di indicarmi dove posso trovare questi studi sul web. Non sono un esperto del pc quindi un indirizzo mi sarebbe utile. Ma tu ti sei guardato bene dall'indicarmelo. Ora delle due l'una. O questi studi non esistono o non mi ritieni "all'altezza" di accedervi. Sulla prima opzione ho dei dubbi visto che si tende sempre a classificare tutto, quindi ci sarà uno studio anche su questo modo di scrivere. Però un po' mi spaventa sapere che c'è qualcuno che si ferma ad una (presunta) lunghezza più o meno consistente di un racconto per giudicarlo. Come ho già detto avrei preferito che dicessi che la storia non ti è piaciuta, che i personaggi sono inconsistenti ecc. Qui vieni a disquisire di misure, in un altro racconto (non mio) usi il commento per fare un "promo" citandone uno tuo, di racconto. Siamo a due su due, sono curioso di "rincontrarti" su questo sito...
    P. S. ma in che senso Sophie me l'hai portata tu? Le hai telefonato? Le hai mandato un messaggio? L'hai scritto da qualche parte? O più realisticamente ha letto un mio commento ad un tuo racconto e per curiosità ha voluto vedere chi era? No perchè se così fosse qualche lettore te lo sto portando anche io ma mica me ne faccio un vanto...
  • Anonimo il 21/03/2009 12:40
    Mea culpa... ma a me il racconto è piaciuto.. e devo dire che leggerò anche gli altri... lunghi o corti a me poco importa.
  • Anonimo il 21/03/2009 12:34
    Ps: quest'ultima commentatrice te l'ho portata io. Sophie è una birbacciona che spesso mi pedina. Giusto Sophie? Ciao bella, un bacio.
  • Anonimo il 21/03/2009 12:21
    Chi l'ha detto che i consigli tecnici si danno in privato? Sono tecnici!!!
    Le mie non sono opinioni campate in aria come tu vuoi spacciare senza nemmeno accorgerti di essere sempre offensivo. Avevo scritto: "esistono vari studi su come scrivere nel Web" quindi mi sono rifatto a questi studi oltre che a esperienze personali. Vai a cercare questi argomenti in Google... se t'interessano. Peraltro, 2 soli commentatori sulle 250 visualizz. dei tuoi 3 brani, mi danno piena ragione.
    Chiudo lasciandoti sulla tua frase "per carattere accetto qualsiasi critica o suggerimento" (!)
  • Anonimo il 21/03/2009 12:06
    Molto bello. Complimenti. Sia per l'originalità della cosa, sia perché, da musicista (ex), mi hai fatto fare un bel viaggio. Bravò
  • giuseppe montiroli il 21/03/2009 10:45
    Caro Fulvio
    per carattere accetto qualsiasi critica o suggerimento. Non essendo uno scrittore di professione ma solo per diletto cerco di cogliere qualsiasi consiglio mi venga rivolto. Ma i consigli "tecnici" si danno in forma privata, altrimenti appaiono per quello che sono. Una dimostrazione di forza inutile. Se tu mi avessi scritto "L'ho letto e non mi piace" l'avrei accettato benissimo, figurati. Ma tu dici che è troppo lungo (?) e che questo "spaventa" i lettori. Scusa, ma tu che ne sai? Vi riunite, vi telefonate, vi scrivete, indite referendum? Tu hai chiesto a tutti se l'hanno letto fino in fondo? Hai fatto dei conti specifici "lettori effettivi e/o presunti" riguardo questo racconto? Prima di pubblicare un racconto lo faccio leggere a molte persone e tutti l'hanno letto fino in fondo. E ti assicuro che non hanno quattro gambe, le antenne e la pelle verde squamata. E se per te la differenza la fa una pagina in più o in meno... Rileggi ciò ce hai scritto e dimmi se non c'è supponenza nelle tue parole. Fai passare una tua opinione come una verità assoluta. Tra l'altro quando ti ho chiesto un chiarimento in forma privata mi hai ribadito "la tua verità" aggiungendo "non sarà un caso che io sono lo scrittore più letto in questo sito"... Se non è delirio di onnipotenza questo ci va molto vicino...
    Ciao
  • Anonimo il 21/03/2009 10:08
    Vedo solo ora questa tua replica velenosetta e dunque offensiva... per chi la fa.
    Credo d'averti dimostrato altrove che le critiche, sia pure feroci come la tua, vanno accettate. Questa mia che tu rigetti in malo modo, non era nemmeno una critica, ma un suggerimento nel tuo interesse e MOLTO PERTINENTE perchè riguarda la lettura o il rifiuto dell'opera stessa.
    Tuttavia, da buon assorbitore di critiche, assumo che la prossima volta che darò un consiglio dovrò farlo col tono dimesso dell'informazione e non quello della osservazione tecnica che potrebbe urtare le permalosità più accese. Passo e chiudo
  • giuseppe montiroli il 19/03/2009 12:08
    Commento poco pertinente con il contenuto del racconto. Esprime tutta la supponenza di chi si erge su un piedistallo e indica agli altri (bontà sua) la strada verso il giusto. Anche questa consulenza è gratuita. Ciao
  • Anonimo il 15/03/2009 08:22
    Lunghezza che "spaventa" il "lettore web" che gradisce tagli brevi o brevissimi. Esistono vari studi su come scrivere nel web e il taglio dei brani non dovrebbe mai (mai!) superare il contenuto di una pagina formato lettera. Diversamente il nr. di visualizzazioni non corrisponde minimamente alle letture effettive. In compenso questa mia consulenza è gratuita. Ciao
  • Anonimo il 26/02/2009 10:03
    Ciao!
    A parte qualche 'nota' stilistica un pochino, come dire, stonata, il racconto mi è piaciuto moltissimo!
    Complimenti
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0