accedi   |   crea nuovo account

Nel bosco dei nonso

Nel bosco dei non so, non vivono solo i Nonso, ma anche il popolo dei No.
Al margine del bosco vi è una graziosa casetta costruita in legno di faggio dove
un bellissimo comignolo con sopra un gallo in ferro, dall’aria impertinente, disperde nel cielo un sottile fumo azzurro prodotto dal camino sempre acceso. Anche d’estate.
Perché? mi chiederete, perché nessuno lo spegne mai.
Tutti gli anni, quando il sole inizia a far capolino tra i rami delle grosse querce, e l’aria si riscalda trasportando il calore in tutto il bosco, la famiglia dei No si ritrova sempre con lo stesso irrisolvibile problema.
La mamma, signora Sempreno, ordina alla figlia Nono
-Spegni il camino tesoro-
E la bambina educata risponde
-no no-
Allora la signora Sempreno, si rivolge al figlioletto Nonsipùopropriono
-caro spegni il camino per favore?-
Alchè lui risponde prontamente
-Non si può proprio no-
Quindi si mettono tutti in attesa del papà, che sicuramente avrete già capito che lavoro svolge. No? È boscaiolo, avendo il camino acceso tutto l’anno, la famiglia dei No ha costantemente bisogno di legna da ardere. Egli esce la mattina presto, l’accetta in spalla, il carretto legato al somarello e via, se ne va per boschi a raccogliere legna o ad abbattere gli alberi ammalati.
Quando esce, la mattina all’alba, la signora Sempreno, lo saluta baciandolo sulla fronte e gli raccomanda
-torna presto caro-
E lui sorridendole, le risponde sempre
- certo che no-
Avrete già capito il suo nome, egli è papà Certocheno.
Al suo rientro a casa, tutti lo abbracciano, scaricano il carretto, portano in casa la legna, rifocillano lo stanco somarello e chiedono al papà
-spegni il camino, papà-
E la sua risposta è sempre la medesima
-Certo che no-
Così, se vi capiterà di passare per il bosco dei Nonso in piena estate e vedete che da un comignolo di una graziosa casetta in faggio esce fumo, non domandatevi il perché.
Mi raccomando, non pensiate di far loro un favore entrando a spegnergli il camino; in inverno morirebbero di freddo, perché nessuno di loro l’accenderebbe più.
E son certo che se chiederete loro
-volete che vi spengo il camino?-
Vi risponderebbero in coro
-no no, certo che no, non si può proprio no, sempre no-

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • rosella campelletti il 09/01/2010 10:12
    molto carina
  • sara zucchetti il 01/09/2009 09:42
    Che simpatico racconto davvero originale!
  • Tobias Wallace il 10/05/2009 14:08
    molto originale, bello
  • Anna G. Mormina il 06/03/2009 18:32
    ... sei proprio bravo Cesare... senti un pò, ma che lavoro fai? ... sono certa che hai a che fare con dei bimbi... sbaglio? ... è bellissimo!
  • sara rota il 03/03/2009 15:31
    Graziosissimo
  • Alberto Veronese il 01/03/2009 10:38
    letto con gran diletto. saluti.
  • cesare righi il 28/02/2009 19:00
    certo che no Rodica... eh eh, ma forse... nonso
  • Rodica Vasiliu il 28/02/2009 15:30
    Un racconto certo inedito e piacevolissimo da leggere!! E non dirmi che non scriverei un altro ancora!! NO, NO!! R

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0