PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Odi et amo

Era zuppa fin dentro le ossa e avrebbe voluto strappare quei vestiti che aderivano al suo corpo, era nervosa, arrabbiata con quello stupido egoista che dopo averla insultata l'aveva spinta nell'acqua stagnante di quel laghetto.
Ma come aveva potuto?
Sì... lo aveva insultato, ma se lo era meritato! Voleva fare il bulletto!
E lei lo aveva insultato, ma mai avrebbe pensato di essere scaraventata nell' acqua!
.. E poi che acqua! Verdognola, puzzolente, con i girini dentro! Come aveva potuto?
Stupido! Stupido bastardo!
Eppure non poteva fare a meno di pensare a lui, alle sua mani forti che l'avevano afferrata, stupido bastardo.. ma ti lasciava addosso e dentro l'anima tracce indelebili di sè, sulla pelle e sui vestiti la morsa delle sue mani e il suo odore.
Avrebbe dovuto picchiarlo, non insultarlo soltanto! Che stupida!-pensò tra sè e sè!
Villano, egocentrico, farabbutto!
Uscì gocciolante e fradicia fino al cervello dall'acqua, a tentoni in quella fanghiglia, intanto lo guardava, rabbiosa avrebbe dovuto picchialo! Sì picchialo con violenza!
Lui la osservava, con occhi verdi come cristalli dietro le ciglia folte - era nervoso e ansimava per la fatica-Non ne ha ancora abbastanza-pensò, così inzuppata fino al midollo, fragile, non si arrende -che caratterino, non ne ha abbastanza!

Avrebbe dovuto picchialo! Doveva picchiarlo e con tutta la forza che aveva, quel poco che le era rimasta - si scagliò contro di lui - Doveva picchialo! Come aveva potuto? Tremava, era nervosa!

Con tutta la rabbia che aveva in corpo e l'odio che provava per lui iniziò a strattonarlo a batterlo coi pugni sul petto! Ti odio! Ti odiooo!!!-gridava!
Lui la guardava e non mostrava il minimo segno di festidio, anzi sembrava gli piacesse, lei lo odiava quando aveva quello sguardo sicuro di sè, di chi non ha paura!
Dio quanto lo odiava!
Scoppiò in lecrime! Sei un bastardo!-urlò tra i singhiozzi.
Lui la guardò, guardò quegli occhi lucidi e teneri, bagata sembrava un cucciolo!
La stinse forte a sè... in un tenero abbraccio, lei tremava...
Angie non sì ribellò a quell'abbraccio- non aveva forza.
Lui la baciò con passione, la strinse a sè fortissimo, da quanto voleva farlo!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • KissOnMyHand --- il 01/02/2007 12:56
    bellissimo.
  • Mauro Bianco il 07/06/2006 21:57
    Piccola perla. Mi è molto piaciuto. Brava!
  • Franco Limbardi il 05/04/2006 15:08
    Veramente bello.
    Hai raccontato la situazione in maniera esemplare.
    Mi piace davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0