username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Marea Sta Passando

(Fluido Non-Sense)

L’amaca all’ombra dei due faggi dondolava pigra.
D’improvviso fece tre giri su se stessa e scaraventò Gloria al suolo.
Il pavimento era freddo, metallico, illuminato dal neon intermittente che gettava lunghi lampi azzurri tutt’intorno.
L’asettica stanza risuonava di un ronzio alieno e meccanico.
Qualcosa si mosse sotto il corpo stupito e indolenzito della ragazza.
Gloria sentì un secco click e si ritrovò con le cinture allacciate sulla grande ruota panoramica.
Il luna park ai suoi piedi era inanimato; solo i palloncini colorati, che vedeva minuscoli da lassù, sembravano muoversi nell’arida fissità della fiera deserta.
Il palloncino giallo si staccò dagli altri e risalì verso la giostra, venendole incontro.
Gloria lo legò stretto al dito indice, slacciò la cintura di sicurezza, pesante come un’ancora, e si lasciò trasportare dal vento.
Vide la città ai suoi piedi, accarezzò con la punta delle scarpe verdi le tegole dei tetti poi rimase sospesa sulla grande casa di mattoni rossi.
Gloria avvicinò il suo dito alla bocca e strinse il filo del palloncino tra i denti.
Il filo tagliato si avvolse su se stesso in spire di cotone e Gloria fu inghiottita dalla scura bocca del camino.
Era ancora in trappola.
Buio e pareti strette avvolgevano il suo corpo impaurito.
Gloria si fece piccola, piegò le ginocchia al petto ed appoggiò la fronte sulla lana morbida del vestito nuovo.
Diventò un gomitolo nella vecchia scatola di legno del cucito di sua nonna.
La sentiva ancora cantare, mentre raccoglievano insieme conchiglie, splendenti nel sole del mattino, come doni candidi, lasciati sulla sabbia dalla bassa marea.
La sabbia era fresca e l’acqua lambiva placida i piedi nudi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

20 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 25/10/2009 12:22
    un vortice di scene dei tuoi occhi... la paura di gloria l'ho quasi toccata... mi piace molto molto "vero" per le sensazioni che dai
  • Vincenzo Capitanucci il 29/03/2009 07:02
    Mi piace leggerlo come un uscita dal corpo... fra la morte e la vita... in una stanza d'ospedale...

    Bellissimo...
  • Anonimo il 28/03/2009 16:38
    Bello, visioni alla... Crepax
  • Anonimo il 18/03/2009 11:19
    Come mai? le risposte sono:
    1) o sei un sensitivo;
    2)o io sono davvero una rompicoglioni...
    Ti consiglio di scegliere la prima...
  • Dorian Di il 17/03/2009 20:26
    Chissa come mai l'avevo intuito Cate!
  • Anonimo il 17/03/2009 20:14
    Dorian... x la cronaca, la super rompicoglioni del sito sono io, nel caso non si fosse capito! Mentre il Cicci ( ovvero Vittorio ) è il gaffeur del sito e pian piano sta perdendo punti... ne sta collezionando una dietro l'altra, non te le elenco perchè rischierei di annoiarti !!! Ciao
  • Cinzia Gargiulo il 16/03/2009 23:24
    Grande fantasia!... Bravo!
    Ciao...
  • Donato Delfin8 il 16/03/2009 22:50
    Questo mi piace molto di più del"Amara Nausea".
    Bravo.
  • Debora Di Mo il 16/03/2009 17:01
    di non sense, non credo si possa parlare!
  • Anonimo il 16/03/2009 16:26
    bhè... che dire, a me piace scrivere da uomo... e allora?
    Fantasie piacevoli, il tuo scrivere in questa marea... mi trasporta nn poco!!!!!
    Non potrei meno di 5... siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii... wowwwww...
    mio umile parere...
  • Anonimo il 16/03/2009 16:16
    scusa dorian, per un inspiegabile mistero avevo stabilito che eri femmina. La super rompicoglioni del sito me l'ha subito fatto notare. Lei (questa volta sono sicuro che è femmina, ho prove certe) si diverte a contare le mie gaffes, è fatta così ma non è cattiva.
  • Dorian Di il 16/03/2009 15:25
    Precoce!
  • Anonimo il 16/03/2009 14:47
    Io, si. ma ero veramente piccolo.
  • Dorian Di il 16/03/2009 14:36
    Un grazie a tutti gli altri.
    @Max: virtuosismo mentale... forse...
    Ubriaco... no.
  • Dorian Di il 16/03/2009 14:35
    @Vittorio: sinceramente la storia esisteva "prima" delle parole, come tutte le storie che scrivo.
    È volutamente "sfilacciata" ma "tessuta ed annodata" insieme.
    Doveva dare l'idea di "smarrimento" pur rimanendo legati ad un flusso.
    È una sorta di provocazione narrativa, se vogliamo.
    Per inciso Vittorio, sono un uomo... non so perchè ma devo avere un modo "femminile" di scrivere visto che più di una persona si è confusa!
  • Anonimo il 16/03/2009 14:01
    Un sogno mentale... un sogno ad occhi aperti... Una favola sognata ad occhi aperti.
    Scritto bene davvero. Direi un 4, 80!!!
  • Anonimo il 16/03/2009 13:53
    Secondo me ti sei fatta troppo condizionare dalle parole che dovevi inserire ed hai costruito il racconto su di esse, un vero peccato perché scrivi benissimo.
  • Anonimo il 16/03/2009 13:36
    Sono stato Gloria anche io, tempo fa. Forse molto tempo fa. Tutto fluiva allo stesso modo, avrei potuto narrare pagine e pagine di virtuosismi mentali e di stati di alterazione tridimensionale. Averi potuto, ma ero troppo, troppo ubriaco marcio...
    Non c'e' due senza tre Dorian... che faccio... aspetto??
    4, 98752, il voto, scaturito da complicati processi matematici.
    Quello sopra, e' lo stile che più apprezzo.
    Ciao
    MAx
  • Anonimo il 16/03/2009 13:29
    È bellissimo... molto particolare... bravò...
  • Anonimo il 16/03/2009 13:28
    Sono il primo a leggere!!!
    Poi ripasso e dò il contributo
    Ciao
    Max

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0