PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

"Ho Sete"

Non capivo questa Tua richiesta Signore. Ti ho chiesto di aiutarmi a comprendere. Non puoi aver sete. Lo ha detto la scienza: non sei più una persona, stai morendo.
Nel Società evoluta, un giudice ha condannato una ragazza a morte: non è nostro dovere dare da mangiare o da bere a chi è destinato a morire, dobbiamo lasciarla morire. Lo ha richiesto suo padre che non ha più amore da offrirle: meglio che lei muoia, allevierà le sofferenze sue e di tutta la sua famiglia. D’altronde lo aveva detto Caifa: “meglio che uno solo muoia” per il bene di chi gli sta intorno… E poi non possiamo interferire nelle regole dello Stato: lo Stato è laico, lo sai, anche quando la nazione ed i politici vorrebbero che non lo fosse. E poi lo hai detto Tu: date a Cesare quel che è di Cesare…
Ma la vita non è un tuo dono? Allora noi non possiamo darla a Cesare: Tu la dai e Tu la riprendi…
Ma no, la Cultura del terzo millennio mi ha insegnato che la vita è mia e me la gestisco io, magari con un testamento biologico…. Ma Tu Gesù, che stai sulla Croce, lo hai fatto il tuo testamento biologico? Adesso hai sete, ma non ti posso aiutare, perché nel tuo testamento hai scritto che dovrai soffrire e morire… Gesù, perdonami se puoi!
Oggi è venerdì e che Venerdi! Siamo tutti presi da qualche processione e dal pensiero del pranzo di Pasqua o, meglio, della tanto attesa Pasquetta da trascorrere all’aria aperta o in qualche agriturismo, con la famiglia. C’è chi ha fatto centinaia di chilometri per godersi una vacanza distensiva e divertente, vicino al mare o nel rispetto della tradizione. C’è tanto traffico per le strade, tutti sorpresi da questo tempo meraviglioso… Eppure, si dice, è tempo di crisi!
Ho sete di Te Gesù, come cerva assetata ti cerco; ma in tutto questo rumoroso deserto, non riesco più a trovarti, Signore! Non sento più niente di Te!
Qui, a casa Tua, anche oggi c’è poca gente…. E domani sera saremo qui, come ogni anno, sempre meno numerosi, a celebrare la Tua Risurrezione e a raccontarci quando, appena qualche anno fa, centinaia di giovani di ogni dove, si incontravano sul sagrato per scambiarsi gli auguri, dissetati dall’acqua della gioia che fa nuove tutte le cose, con una chitarra e la voglia di cantare la Tua festa alla città e a tutti i dormiglioni, al termine della Messa notturna.
Le cose cambiano… oh, si che cambiano… ed è solo merito dell’uomo se cambiano…
Ti ho chiesto di aiutarmi a capire, Gesù. Davanti alla Tua Croce, ti ho chiesto di dare un significato nuovo a questa Tua Quinta Parola, per questo Venerdì Santo.
E così mi hai fatto incontrare, una sera, una Signora Dolcissima che, si reca spesso nei paesi del quarto mondo: Lei dice che ci va ogni giorno e faccio finta di crederle; dice che ci va per aiutare i bambini che non hanno da mangiare; li coccola, canta loro la ninna nanna, si prende cura della loro salute e della loro igiene. Quando è possibile gli porta un sorso d’acqua e una manciata di riso o di farina di mais. Spesso vado a trovarla a casa sua. Mi accoglie sempre con un sorriso e tanta Grazia, appena arrivo.

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Fabrizio Martello il 08/07/2009 14:16
    Caro Luca, ti ringrazio e ti auguro un impegno sociale denso di soddisfazioni per il bene comune.
    Fabrizio.
  • Anonimo il 08/07/2009 12:14
    Caro Fabrizio,
    ho letto or ora il tuo racconto, e devo dire che mi ha commosso. Anch'io ho scritto sulla barbarie perpetrata su Eluana, da parte di un padre senza amore e di uno stato senza morale. Complimenti, veramente. Il tuo racconto è veramente bello, sentito, toccante, pregno di un'umanità e di una carità cristiana invidiabile. Grazie per averci dato la possibilità di leggerlo.
    Luca
  • Fabrizio Martello il 08/04/2009 08:44
    Se penso un solo istante a quanto poco servirebbe per aiutare tutti quei bambini, mi vergogno di me stesso... Buttiamo via tanto superfluo che basterebbe a colmare e a far traboccare tutte le enormi giare di limpida acqua nel quarto mondo e a dissetare tutti i bimbi del mondo... Ma quale crisi? Grazie Marcello.
  • Marcello De Tullio il 07/04/2009 21:47
    le tue parole mi commuovonoperchè anch'io ho scritto dei versi dal titolo LUCE su questo triste avvenimento. Il tuo è molto toccante e solo chi è sensibile capirà, mentre per gli altri sarà un servizio televisivo che dopo dieci minuti non c'è più.
  • laura cuppone il 23/03/2009 23:44
    scusa.. fabrizio
    ... forse pensavo a Francesco d'Assisi e...

    ciao
    Laura
  • laura cuppone il 23/03/2009 23:34
    grazie infinite Francesco
    questa sete non finisce mai
    ... di Lui...
    la Pasqua.. ecco!

    Laura
  • Anonimo il 20/03/2009 16:26
    I miei complimenti più sinceri...è bellissimo. Una perla di luce che solo un'animo illuminato può rendere così bene. Aspetto con ansia questa Pasqua, e che sia di Resurrezione per il corpo e lo spirito.
  • Fabrizio Martello il 20/03/2009 08:44
    Ringrazio tutti quanti, amici, per avermi donato il vostro tempo e la vostra lettura. Ho solo voluto rendere attuale una parola di Ns Signore e voglio condividerla con voi. La Pasqua si avvicina, un invito: viviamola tutti intensamente. Ciao Fabrizio.
  • Anonimo il 19/03/2009 20:44
    No Francesco.. non piango.. anche se brividi di freddo mi gelano il sangue..
    non piango.. perche’ non serve piangere … le lacrime si asciugano e resta
    la tristezza.. e anche quella passa.
    Cristo c’è ..è fra noi solo che il rumore copre la sua voce.. con indifferenza
    gli passiamo accanto con le bende agli occhi per non vedere.. Ci ha donato questo
    mondo insegnandoci ad amare la vita.. ad averne rispetto.. e noi?
    Una carezza non è sufficiente a calmare il pianto di bimbi innocenti.. ci vuole
    acqua.. si tanta acqua per risvegliarci.. per scuoterci.. perche tutti assieme possiamo fare...
    un abbraccio a te caro amico
    Aurora
  • Anonimo il 19/03/2009 16:44
    Caro amico mio, e' vero mi avevi chiesto di non piangere... come se non conoscessi la persona sensibile che sono... Ed invece sono qui con le lacrime sulla pelle, con il cuore triste e con la costante sensazione di non potere nulla contro qs ingiustizie. Cio' che hai scritto e' una spinta a muoversi, e presto. Facile rimandare agli altri, e noi? Noi cosa facciamo? Mi sento cosi' inerme davanti a tanto dolore, vorrei adottare tutti i bambini del mondo se potessi... vorrei andare in quelle terre e fare veramente qlcosa di concreto, anche solo dare una carezza ad ognuno di loro...
  • Kiara Luna il 19/03/2009 15:23
    Mi hai fatto piangere Francesco.. e aumentare in me quella sete di Gesù che i mille rumori del mondo non mi fanno più sentire...
    Leggere queste tue parole è stato molto più che bere acqua fresca nel deserto...
    GRAZIE a te e a Colui che ti ispira, affinchè Cristo torni a risorgere anche per noi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0