PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vuoi vederla?

“Se vuoi, te la faccio vedere.”
Anche se lo sapeva, Robert rispose:
“Non saprei!”
Erano due settimane che Robert pensava a lei, ma non voleva passare per uno che pensava solo a lei.
“La mia è bellissima, non ne hai mai viste neh!”
La bimba andava su e giù sull’altalena lanciando in avanti e in dietro le gambe. Il vento del mattino le arrossiva il faccino bianco, le piccole mani stringevano le corde piegandole, la rossa stoffa della gonna si sollevava sulle ginocchia e si piegava attorno al sellino. Robert stava lì, impacciato, studiando quale posa assumere per sembrare un duro.
Helena aveva appena imparato questo gioco; giocare con l’immaginazione e il desiderio dei maschietti. E Robert non voleva far capire di non conoscere ancora questo gioco.
“Non vuoi proprio vederla, Robert? Ho voglia di mostrala solo a te.”
“Sì, sì può fare,” disse Robert senza sapere assolutamente perché; (ho detto, sì, sì può fare?)
“Certo tesoruccio mio, sei già arrapato?”
Da dove era sbucata fuori quella bambina? Robert pensava a lei da quando era venuta ad abitare lì vicino, ma non era pronto per questo miracolo.
“Hm, dove? (ho detto, hm dove?) “
“Guarda bene Robert, puoi guardarla adesso, sotto la gonna non ho le mutandine,” gridò Helena e spalancò i grandi occhi.
(La tua mamma lo sa?)
Helena aveva le gambe strette e belle dritte e poi le aprì in una grande V.
(Accipicchia!)
Robert si trovò piazzato male. Arrossì, e pensò che aveva perso l’occasione della sua corta esistenza.
(Per sempre?)
“Hai visto bene?” mormorò Helena sorridendogli.
Robert non disse niente. Trovò il coraggio di spostarsi un po’ e si mise di fronte all’altalena.
“Lo spettacolo è finito, Robert.”

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Caterina Russotti il 12/08/2013 10:56
    Mi ha fatto sorridere!
    Leggendola mi hai fatto tornare in mente quel giorno che la suora dell'asilo di mio figlio aveva convocato tutti i genitori per dirci che avevano trovato dei maschietti e delle bambine, nascosti dietro la fontana della madonnina con le mutandine giù che si guardavano a vicenda. Fu scandalo per le suore! A me sembrava solo un momento di "scoperta" innocente.
  • Anonimo il 12/08/2013 10:24
    A prima lettura sembrerebbe simpatica, ma poi è la solita storia di Adamo ed Eva, lei tentatrice e anche un po' zoccola e lui stupido

    Suz
  • Anonimo il 24/03/2009 11:37
    Simpatica, la patatina crea emozione, ogni volta, figuriamoci la prima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0