accedi   |   crea nuovo account

La rosa amaranto

Il piccolo cancello, in legno verniciato di rosso, si aprì lentamente, cigolando sommessamente.
Un cigolio quasi impercettibile, leggero, quasi come un sussurro.
La stradina sterrata del viale, che si inoltrava fra filari di viti, da un lato ed una lunga siepe di rose, dall’altro, mi accolse.
Una stradina in terra scura, terra scura ed arsa dal sole del Sud, che dopo, una decina di metri, terminava davanti ad una piccola casetta rurale, ad un piano.
Percorsi lentamente il vialetto sterrato, le rose erano ancora fiorite, nonostante ottobre fosse iniziato da qualche giorno.
Le foglie del roseto stavano delicatamente sfumando verso il giallo: segno tangibile ed inequivocabile dell’autunno, stagione malinconica, che stinge il verde dell’estate ed i suoi colori, trasformandoli in tinte pastello forti di rosso e giallo.
Mi avvicinai al roseto e colsi una rosa, un bocciolo amaranto sgargiante che si ergeva su un lungo stelo.
Il delicato profumo mi avvolse, avvicinandola la viso : quel profumo mi ricordava te.
Tutto mi parlava di te, il vialetto con le rose fiorite, il vigneto con i suoi colori di verde striato di giallo, il profumo dell’uva, i colori ed i rumori di quel posto.
Mi sembrava di udire la tua voce, mi tornavano in mente gli echi lontani dell’estate appena trascorsa, i momenti vissuti qui, con te.
Una primavera odorosa d’amore, quando ti ho incontrato, un’estate calda di passione, intensa e vibrante : un’estate d’amore.
Ma ormai era autunno, autunno anche per il mio cuore.
Ricordo le tue parole, ancora : -Devo andare, non posso più restare. Addio-
Sei andata via così dalla mia vita, all’improvviso, così come eri entrata.
L’autunno mi aveva portato la tua assenza e con esso la tristezza aveva avvolto il mio cuore.
Pensavo al tuo sorriso, alle tue labbra mentre mi baciavano, alle tue mani nelle mie.
I tuoi occhi dolci mi fanno compagnia nei sogni, l’eco della tua voce in essi mi fa trasalire!
Ma ora più niente, solo l’autunno ed il tuo ricordo, sei lontana e non sò dove, svanita come nebbia nei campi al mattino, dissolta dal sole.
Lontana dal mio cuore, mentre giorno per giorno la mia sete di te non si spegne.
Ma ormai più niente, solo l’autunno.
Mi soffermai sul portone di ingresso, una vecchia porta in legno antico, ricordo che a te piaceva molto il suo colore, le venature scure che scorrevano su di essa, come vene che percorrono una mano.
Era stato il nostro posto d’amore, questa piccola casetta in campagna, che ogni sera mi accoglie, dopo una dura giornata di lavoro.
Si era trasformata, con il tuo arrivo, era piena di vita e colore.
Adesso era triste, triste come me.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0