PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ebbrezza...(io e Ange)

”Ricordo l’ebberezza”
Quella esiste ancora, quella è come una specie di ubriacatura a vita…con tutto che si possa modificare nel tempo forse come “intensità”..
Ma nient’altro in quanto nel ricordo c’è anche il presente.
Questo discutiamo io e te al telefono. Questo ci prende ore intere e ci ruba momenti di piatta, ingenua solitudine. Io e te.. amica mia…sorella.
Forse gli argomenti sono talmente simili, come sono simili le loro impercettibili sfumature, che non sappiamo dove finisca o cominci la storia che raccontiamo.
Ciò di cui siamo consapevoli è che non solo è simile, ma incredibilmente e profondamente ciò che ci taglia in due e ci fa invece camminare sulle nuvole coincide totalmente. Questo ci rende anche avversarie di noi stesse poiché parlando all’altra di noi le facciamo sentire tutto, e ricordare tutto…assaporare, distinguere, fantasticare…
Queste similitudini ammorbano il cervello di stelle e fango…siamo eternamente combattute anche se poi in grado di fare scelte insostenibili anche per la persona più forte e tollerante della terra.
Amiamo da impazzire.
Amiamo come fosse bisogno primario e irrinunciabile. In ogni direzione, ogni relazione, ogni sguardo attento, ogni situazione. L ’amore è ciò che ci mettiamo. E sappiamo che questo è il sogno dei sogni, sostenendo prove nel passato remoto che ci avrebbero dovuto togliere anche l’ intenzione di credere che esista…l’amore.
Invece…lo abbiamo appurato.. lo appuriamo, lo sappiamo, benissimo.
Egli alberga in noi da sempre. Lo abbiamo solo incontrato in carne e ossa e colmato l’ultimo spazio temporale che esiste in questo mondo, per dare dimensione e consistenza alle anime a metà.
Questo siamo
Anime e metà in corpi limitati …
Ma forse è la loro debolezza il lato affascinante di tutto. Quello anche che dona gioia e dolore immenso, gettito di sudore e sangue ma anche respiri d’aria divina accanto a quelli di un altro essere.
Il corpo…che poi è quello che cerca.. che debole ha bisogno.. che forte pretende..
L’odore di qualcuno si pretende col proprio quando ormai confusi non ne hanno più da soli…
In fondo, amica mia, credo che il sempre sia stato ed è, una macchina perfetta per noi.
Si, nella sua assurda corona di spine, lo é.
Ma le rose, oh si, le rose di quelle spine innalzano la completezza nell’unione totale e giustificano il sacrificio e l’abbandono…l’abbandono a loro…non di loro..
Abbandonarsi a qualcuno è abbandonarsi al proprio dono… donarsi, incastrarsi per sempre.

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • Guido Ingenito il 20/05/2010 20:18
    una riflessione a cuore aperto. la perla: amare è la cosa che facciamo meglio e peggio. questa frase vale la lettura!

    guido
  • laura cuppone il 07/04/2009 00:49
    fa pure..
    questo spazio non ha limiti..
    é tuo..

    io ringrazierò ancora...
    Vincenzo... amante delle donne... anche se devo sottolineare che quest'amore non ha sesso...
    e ad Augusto..

    senza parole

    grazie infinite..

    non so perchè l'ho pubblicato...
    ho solo avuto voglia di urlare il mio amore liberamente.

    Laura
  • Anonimo il 07/04/2009 00:42
    Che belle manifestazioni d'amore vero, come si può rimanere zitte difronte a tutto questo dono.
    Sono felice che Laura, abbia scritto della nostra amicizia, che abbia scritto del nostro d'amare, d'amarci, d'amarvi...
    Noi siamo così, un po' atipiche, forse incomprensibili, ma felici, di esserci scovate in un mondo di anime sterili
    per fortuna in questo sito, si sono tante belle persone, ognuno con la sua storia, con tante di loro si è creata una intensa amicizia, perchè è semplice, quando si dona amore in cambio si riceve la stessa moneta.
    Grazie a tutti, siete davvero tanto cari
    Poi cosa dire della nostra Laura, scrive splendidamente, ed io l'adoro.
    Il mio arcobaleno non si è ancora stinto anche grazie a tutti voi: Augusto, Vittorio, Vincenzo, Riccardo meravigliosamente e preziosi tesori, Ad Anna delicato sorriso etereo, un grazie a Sophie, Cosimo, Contessa Laura, Blachwhite.
    Scusa Laura se ti ho rubato lo spazio, ma anche io volevo ringraziare i nostri amici per il dono ricevuto.
    Un abbraccio adorata sorella amica.
  • augusto villa il 07/04/2009 00:28
    Io... sento il vostro amore... Io stesso vi voglio un bene dell'anima... Ricordo benissimo quello che successe un anno e mezzo fa circa... quando la mia anima... Vabbe'... ci siamo capiti... Ho bagnato la tastiera...
    Vi voglio bene... e ringrazio Dio... per il dono grande che mi ha fatto... Un Amore pulito... Limpido. Come il vostro cuore!!!
    Per sempre.
  • VINCENZO ROCCIOLO il 06/04/2009 20:36
    Ogni volta che siamo sfiduciati, ogni volta che siamo provati dalla vita, ogni volta che sentiamo che Amore è solo una vuota parola, bisognerebbe leggere e rileggere queste tue parole, cara Laura, perché sono parole piene di un amore infinito.
    Io che ho una concezione dell'amore molto simile alla tua, molto vicina a quello che viene chiamato "amore universale" posso capire in ogni sua singola sfumatura quello che tu hai scritto. Io amo, anche in silenzio, anche a senso unico, anche senza essere ricambiato, sfidando spesso le regole del sentire comune e della maldicenza degli uomini. Io amo voi donne, voi che avete la capacità di parlare dei vostri sentimenti senza paura di essere fraintese, voi che avete questa potenza dentro che è la vostra disponibilità ad amare, voi che mettete l'amore al primo posto nella vostra vita. Ho sempre amato le donne, fin da piccolo, e, crescendo, ancora di più. Vi amo, tutte, per la vostra forza di sopportazione, per il vostro spirito di sacrificio, per la vostra bellezza esteriore, ma soprattutto interiore.
    Nessun uomo avrebbe potuto scrivere una cosa come quella che tu hai scritto, ad un altro uomo; nessuno lo avrebbe mai fatto, ed è per questo che io dico che voi dell'altra metà del cielo, siete di gran lunga migliori di noi, miseri esseri che hanno spesso in testa un solo attributo femminile, dimenticandosi della vostra anima e di quanto siete belle dentro. Tante di voi sopportano le violenze, le percosse, le umiliazioni da parte di uomini volgari, ignoranti, spesso ubriachi o drogati, tante nel mondo sono ancora vittime di mutilazioni sessuali, o sono ancora trattate come schiave, tante sono vittime di violenze per la strada, nelle case, in famiglia anche, e io vi sono vicino, sempre; mi troverete sempre dalla vostra parte a difendere la vostra dignità e a curare le vostre ferite fisiche e morali.
    Tu parli di Angelica. Mai nome fu più azzeccato di questo per una persona. Angelica è davvero un angelo sceso in terra ad aiutare chi è meno fortunato di lei. Angelica sa dare tanto amore alle persone che hanno la fortuna di incontrarla. Angelica c'è... sempre; c'è quando piango, c'è quando rido, c'è quando canto, Angelica è lì, con le sue sofferenze, ma c'è. E io le sono vicino, come lo è lei a me, io capisco la pena che ha nel cuore, e l'abbraccio qui, o per telefono, sempre quando posso, anche se vorrei abbracciarla di persona, per dirle quanto le voglio bene e quanto è importante per me. Come tu le hai detto "ti amo Angelica, ti amo sorella mia", così glielo dico anch'io: "Ti amo Angelica", nel senso nobile, puro del termine "Amore", non inquinato da desideri morbosi o da istinti solo sessuali, ma ispirato soltanto dal grande affetto che c'è nel mio cuore e da quello che mi fa dire: "ovunque io sarò, tu sarai con me, perché certi legami sono indissolubili".
    Amo anche te Laura, sebbene io e te ci conosciamo poco, perché hai scritto questa cosa meravigliosa, perché ho letto anche altre cose di te, e perché se Angelica ti ama, sei senz'altro una persona meravigliosa. I sentimenti, le emozioni che tu hai messo nelle tue parole, rivelano quale profondità d'animo tu abbia, la tua grande capacità d'amare, e io amo tutte le persone che fanno dell'Amore la loro più importante ragione di vita.
    Un abbraccio e un bacio a tutt'e due con grande affetto.
  • laura cuppone il 06/04/2009 18:50
    grazie contessa lara ma non credo sia "servito" a questo.

    Laura
  • laura cuppone il 06/04/2009 18:49
    blackwhite...
    grazie per la tua lettura attenta e profonda.. e grazie di non esserti chiesto il perchè.

    un abbraccio
    Laura
  • laura cuppone il 06/04/2009 18:35
    si... un mix perfetto e succede raramente in tutti i tipi d'amore..

    grazie Riccardo
    Laura
  • Anonimo il 06/04/2009 12:09
    ... se ti ha fatto sentire meglio...
    Ciao
    Contessa Lara
  • Anonimo il 06/04/2009 10:56
    dice Fromm "Lamore nella sua forma matura, implica attività, umiltà, coraggio, ed è l'unica risposta veramente sana alle contraddizioni dell'esistenza umana".
    Il desiderio di fusione con il prossimo è evidente nel tuo sentire, perchè riesci a penetrare dlla superficie in profondità, per te è "normale" amare, è insito nella tua natura, ed è bello che tu abbia trovato un'amica con cui condividere questo dono immenso, ma anche questo fardello (tu usi il termine condanna), poichè non è sempre compreso, magari non sempre ricambiato, non con la stessa potenza, almeno. Forse a qualcuno può sembrare persino soffocante, ma solo perchè nn tutti conoscono l'ebbrezza di questa ubriacatua.
    Simoe weil diceva "le parole "Ti amo", pòossono essere banali e straordinarie, dipende da come vengono dette".
    e le tue non sono banali, fanno parte di uno stato normale e permanente, fanno di te quella che sei, la ricchezza che è in te.
    Bella la tua "dichiarazione"
  • Riccardo Brumana il 06/04/2009 01:43
    parole d'amore al profumo di rose dai petali variopinti come l'arcobaleno...
    miscele così non si trovano spesso,
    incastri perfetti di un mosaico molto più grande di noi...
    l'amore...
    l'amore fraterno...
    l'amore amichevole...
    ogni tassello è al suo posto...
    per quanto??? la risposta è alquanto scontata...
    un abbraccio ad entrambe.
  • laura cuppone il 05/04/2009 23:18
    dolce sorriso...
    quale limite esiste nell'amore?
    e poi...
    amare davvero non é amare senza nulla chiedere?
    amare senza nulla... pretendere?
    ... anche all'insaputa.. anche in silenzio..
    si ama..

    ti adoro
    a domani
    Lau
  • Dolce Sorriso il 05/04/2009 23:16
    DOLCE FATA,
    bellissima riflessione,
    approvo ogni tuo pensiero,
    mi piace il tuo modo d'amare e
    il tuo modo di manifestarlo,
    tu non potrai mai cambiare.
    sei propio ok
    smack
    Anna
  • laura cuppone il 05/04/2009 19:17
    grazie Sophie..
    non so scrivere.. in prosa.. non mi cimento molto...
    ma ho voluto fare questo piccolo omaggio...

    ciao.
    un abbraccio
    Laura
  • laura cuppone il 05/04/2009 19:16
    al mio"ragazzo"... manifesto direttamente ciò che sento e non gli scrivo certo così..
    forse é capitato che gli scrivessi cose bellissime... l'amore lo esprimo per lui in poesia...

    Ange é..
    si é lei, quella che anche tu vedi con la A maiuscola in tutti i sensi...

    grazie Vitt il tuo commento mi apre il cuore.

    tvb
    Laura
  • laura cuppone il 05/04/2009 19:13
    grazie infinite Cosimo...
    sei sempre gentile... si, questa é una bella storia d'amicizia e amore.

    ciao...
    Laura
  • laura cuppone il 05/04/2009 19:11
    Ange..



    Laura
  • Anonimo il 05/04/2009 17:49
    Bellissimo... senza parole.
  • Anonimo il 05/04/2009 17:30
    Mamma mia, che bella testimonianza d'amore. Scommetto che, al tuo ragazzo, un regalo così bello non l'hai mai fatto, se lo legge s'incavolerà come un toro.
    No, scherzo, è un affetto talmente, sincero, pulito, etereo che suscita solo ammirazione ed un po' di invidia. Ma l'Ange di cui parli è la mia Angelica? Io ne conosco una sola di Angelica; con la lettera A ho tante Ambra, Antonia, Augusta, Ada... ma solo un'Angelica, l'unica, la migliore.
  • francesco ganci il 05/04/2009 16:06
    Una bella lettera per una bella storia. Cosimo
  • Anonimo il 05/04/2009 13:54
    Amore mio.
    Tesoro irrinunciabile,
    leggendo questa tua lettera, mi hai fatto un dono meraviglioso, mi hai fatto piangere, ed io amo piangere per l'emozione, chi non piange è morto dentro e tu mia cara amica, mi hai fatto sentire viva più che mai.
    Io e te siamo un incastro d'anime riconciliate, viviamo le stesse percezioni, lo stesso modo infermo d'amare, una miscela che è capace di trasformare il buio interiore in azzurro vitale.
    Amo... amo fino a farmi male,
    il nostro cuore sembra a volte troppo piccolo per contenerlo, allora trabocca, facendoci fare scelte difficili, prchè noi, non siamo nate per costruirci la felicità sopra l'infelicità degli altri e se riusciamo lo stesso a donare, nonostante abbiamo conosciuto il dolore più acuto, se riusciamo a fare in modo che la bellezza traspiri sul nostro viso stanco, allora Dio ci ama e ci ha dato prova della sua presenza in noi.
    Io e te amica sorella.
    ci sosteniamo, ci ascoltiamo, stiamo anche in silenzio, perchè ciò che ho dentro è anche dentro te e viceversa.
    Staremo insieme sempre per sempre, perchè abbiamo piantato il seme dell'amicizia vera, un amore eterno che sanerà la nostra atipica essenza, un amore vero che nutrirà quella parte orfana.
    Ti amo mia cara amica
    Grazie del dono
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0