username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tout court 4

Avvertenza: anche la stesura di questo racconto (come i precedenti) ha dei particolari citati da altre fonti umoristiche; altri, invece, creati dall’autore.
Personaggi principali:
Federico Frattini: scapolo, pretore.
Pina: mamma di Federico, vedova.
Luisa: una bruna da capogiro per il pretore.
Palcati: avvocato difensore.
***************
Federico Frattini è pretore da otto anni, uomo scapolo e orgoglioso del proprio lavoro in quanto il suo compito è quello di decidere casi concreti. È giudice penale di primo grado, unico con competenza su un territorio di uno o più comuni nei seguenti casi: a) per tutti i reati per i quali è prevista una pena detentiva fino a un massimo di tre anni o una pena pecuniaria… b) per i maltrattamenti in famiglia o verso i fanciulli… c) per rissa aggaravata… d) per il reato di falso in cambiale o altro titolo di credito… e) per il furto aggravato… g) per la ricettazione…
Sua madre Pina: la conoscerete… la conoscerete!
Entrambi abitano a Mantova, nella zona del Lago di Mezzo: Viale Mincio.
Ricorda, per impressione del primo impatto della sua “inaugurale” seduta processuale, un caso ridicolo tra un operaio e datore di lavore. Con severità nella voce dice all’imputato:
“È accusato di avere rotto una sedia sulla testa del suo principale. ”
“Non volevo, signor giudice, lo giuro, non volevo! ”
“Non voleva colpire il suo principale? ”
“No, non volevo rompere la sedia: era antica, del primo Settecento! ”



******



Prima di passare alle vicende casalinghe, alle avventure con donne o amici e tante altre cose… vi racconto le più strane vicende accadute durante i suoi otto anni da pretore.
Dopo “la sedia rotta”, una solita demenziale.
In tribunale. All’imputato:
“Signor Rossi, perché avete rubato quella forma di formaggio? ”
“L’ho vista in vetrina, signor giudice, con scritto “Buona occasione! Formaggio da grattare! ”, e non me la sono lasciata sfuggire. ”
***

12345678910

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 06/09/2009 19:04
    Il talento satirico di Gianmarco Dosselli è un dono raro. Gianmarco è capace di far sorridere anche una statua di pietra; galvanizza il lettore e lo trascina con un’esposizione semplice, esatta e ineccepibile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0