PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La donna di Tee

capitolo primo

– Ecco i soldi.
– Conto i soldi e sparisco.
– Controlla, controlla...
– Il conto torna.
– Allora sparisci.

Mr. Teeshot uscì dall’ufficio, cacciò la busta con i soldi in una tasca interna della giacca, pigiò il bottone dell’ascensore ma scese i quattro piani a piedi.
Quel contatto era importante, era stato fortunato a snidarlo; pochi giorni in città e già si guadagnava il pane. La sua reputazione lo aveva preceduto.


capitolo secondo

– Hai il denaro?
Teeshot tirò fuori la busta.
– Scopami Tee.


capitolo terzo

Coulter appoggiò il lungo sigaro sul labbro inferiore, si avvicinò e inquadrò dall’alto in basso Luben seduto dietro una grossa scrivania:
– È per domani!
– Certo! La cosa sarà presto fatta.
– Domani, Lub!
– Sì, certo.
Coulter gli puntò il sigaro contro:
– Sei un uomo morto domani…
– Domani avrai i tuoi maledetti soldi – troncò Luben, e irritato si alzò da dietro la scrivania.
– Domani – disse nuovamente Coulter girandosi verso la porta, l’aprì e uscì dalla stanza.
Luben sentì l’ascensore arrivare al piano, indugiò dietro la scrivania, poi andò alla finestra per guardare di sotto; Coulter usciva dal palazzo e attraversava la strada. Improvvisamente la portiera posteriore di una macchina parcheggiata si aprì: partirono quattro colpi d’arma da fuoco.
Fu come se fosse stato mosso da un’improvvisa raffica di vento: Coulter deviò lateralmente e crollò sull’asfalto rimanendo immobile.


capitolo quarto

1234

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 20/04/2009 19:49
    Particolare come sempre... incollata fino all'ultimo!!!! Bravò
  • Anonimo il 20/04/2009 15:43
    Non so. Forse si. Ma forse anche no.
    MA forse solo Forse.
    Magari anche si. Non so.
    Deciso, ho deciso. Si. Ottimo. Gelido. Diretto. Arriva come un pallottola. Mi piace.
    Alla prossima
    MAx

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0