PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le tappe della seduzione

Il fisico minuto si agita nervoso seguendo la metrica battuta con il piede, gli occhi azzurri passano eccitati dalla classe alla lavagna, il gesso traccia lo schizzo esplicativo della prima lezione di latino. Siamo pronti a qualcosa di inusuale, ma passare da una beghina in grembiule a un satiro folletto lascia spazio all’inatteso. I gesti veloci abbozzano due figure approssimative che ci viene detto essere quelle di due fidanzatini. Ultimato il disegno, si svela l’argomento: le tappe della seduzione. “Come ha inizio un approccio? ” chiede il professore alla classe ammutolita che non azzarda alcun cenno. Qualche attimo di attesa e arriva la risposta. “Manus in manu”, spiega con voce suadente chiedendo conferma ai primi banchi. E il gesso sottolinea l’unione dei due arti. Poi il silenzio. Gli occhi ammiccano, sale una risatina a cantilena, il piede aumenta il ritmo della metrica. La seduzione non ha mille tappe, si entra subito nel vivo. “Quale sarà mai il secondo passo? ”, insiste frugando con lo sguardo acceso i volti imbarazzati. “Manus in re” sbotta il professore allargando le braccia davanti a tanta esitazione. E sulla lavagna una linea si sposta sulla figura dai capelli lunghi. Nel clima di eccitazione crescente, qualche maschio inizia a sogghignare, mentre le femmine si ostinano nel contegno imposto dal pudore. Il “Res in manu” segue a breve come naturale conseguenza, mentre il gesso corregge ancora il disegno, che ora mostra i fidanzatini uniti da due diagonali intersecate. Ormai ci siamo. Il battere del piede sale ancora, la risatina a cantilena pure, gli occhi percorrono la classe incitando una risposta. Si potrebbe anche tentare di chiudere il cerchio, ma nessuno tenta l’azzardo. Anche la soluzione tocca al professore: “Res in re”. E i fidanzatini si mescolano in un’orgia di gesso.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • PIERO il 19/06/2012 22:26
    Leggo solo ora, a distanza di anni dalla pubblicazione, questo delizioso raccontino. Ho iniziato a studiare il latino dai preti, e l'ho amato comunque, ma se avessi avuto un professore così, credo che sarei diventato un latinista...

1 commenti:

  • Anonimo il 22/04/2009 23:04
    Molto simpatico e scritto bene.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0