accedi   |   crea nuovo account

Lilium Paradoxum

– Come mai dottore?
– È molto strano, aspetti che chiedo a un mio collega.
Dott. Miller prese la cornetta del telefono e fece il numero.
– Ciao Strabic, sono Miller, ho un caso interessante proprio di fronte a me e vorrei parlartene.
Il dottore si accomodò contro lo schienale della poltrona ed ammiccò Tarentelli seduto su uno sgabello davanti la grossa scrivania.
– Sì, sì, senti questa Strabic; il mio paziente da un paio di giorni vede tutto in viola… no, no, la sua vista è buona, 10 su 10… sì, sì, il cuore ottimo, polmoni perfetti… reni ok… ok anche il fegato, certo.
Il dottore coprì con la mano la parte bassa della cornetta:
– Senta Tarentelli, mi sa dire se da bambino non è mai stato allergico al taglio... dei capelli?
– No... non.
– No, Strabic, nessuna allergia… È per caso allergico ai preti?
– No.
– È cattolico Strabic... Sogna in color viola?
– Non saprei proprio...
– Sì Strabic non ci avevo pensato! accipicchia… certo ti farò sapere.
Il dottore riappoggiò la cornetta e si trattenne dal ridere, poi, senza dire una parola si alzò da dietro la scrivania e avanzò verso la finestra. Guardò fuori e disse a Tarentelli:
– Senta, mi dispiace per lei, ma...
– Dottore, per Dio, che c’è?
– Lei morirà – il dottore si girò e con la voce seria continuò:
– Vede, poco fa mi era venuto da ridere, mi dispiace molto, ma deve capire, ogni volta che devo annunciare quella cosa mi viene da ridere, lei (dott. Miller rise di nuovo) vivrà solo per un paio d’ore.
– Ma come!
– Mi dispiace.
– Lei è solo un pagliaccio! – grido l’uomo che vedeva in viola.
– Purtroppo è così; si chiama la sindrome del Lilium Paradoxum che, per intenderci, è il giglio viola.
– Lei è solo pazzo!
– Senta, lei vede attraverso la sua anima; diventa viola quando sta per lasciare il corpo, e (dott. Miller rise di nuovo) è già arrivata agli occhi, non si può più fermarla.
– Ma che razza di dottore è lei!
– Si sieda, la prego, rimanga comodo e tranquillo sulla sua poltrona perché lei vivo di qui non uscirà.

– Pronto?
– Vieni a prenderlo – comunicò Miller al telefono.
– Certo certo, l’hai già messo sotto ghiaccio?
– Cloroformizzato.
– Fai sempre il diffidente.
– Senti, l’ho narcotizzato; 5’000 dollari.
– Certo, certo, non preoccuparti.
– 5’000 dollari!
– Ma vedeva in viola...
– Strabic, 5’000 dollari! o lo lascio andare.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Alberto Veronese il 27/04/2009 07:23
    e mo’? e mo’ niente... forse cambiando il titolo... Transplant Package... vedi anche 26 mar 2009 il parlamento di singapore... vi ringrazio vivamente per il vostro consulto ciaociao.
  • loretta margherita citarei il 24/04/2009 18:14
    bello
  • Anonimo il 23/04/2009 19:43
    Bello... ma ora? o c'è qualcos'altro sotto?
  • Anonimo il 23/04/2009 18:49
    éarticolare come sempre... ma concordo con max!!! E mo'??? mi sento col fiato sospeso... mai pensato ad un piccolo seguito?? Please...
  • Anonimo il 23/04/2009 11:38
    Oddio, e mo?
    Che dico?
    uhmmm...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0